X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

VAL D’AGRI – La ripartizione dei fondi della cosiddetta fase 3 del Programma Operativo Val d’Agri per complessivi circa 35 milioni di euro è stata definita in una riunione (in video conferenza) del comitato di Coordinamento e monitoraggio del Pov presieduto dall’assessore alle Attività Produttive Francesco Cupparo con delega al coordinamento del Pov, con un intervento di saluto del presidente Vito Bardi e la partecipazione dei sindaci dei 40 Comuni dei comprensori Val d’Agri, Melandro, Sauro, Camastra.

Dopo circa un decennio dall’ultima ripartizione, sono state assegnate ulteriori risorse ai comuni del Comprensorio, gli stessi Comuni hanno provveduto all’aggiornamento dei rispettivi Dpc con la previsione di nuovi interventi, alcuni dei quali già entrati nella fase esecutiva.
Tra gli ulteriori argomenti affrontati, lo stato d’attuazione del Ripov (Rete Interventi Pov Dgr 610/2020) grazie al quale, per la prima volta, in particolare, sono stati finanziati ai Comuni (per complessivi 10 milioni di euro oltre i 5 milioni per interventi in materia di cultura, turismo) interventi finalizzati al miglioramento dei servizi di competenza comunale, soprattutto per la fase emergenziale, ma con l’auspicio che tale forma di finanziamento possa diventare strutturale per l’attuazione del Programma Operativo.

A riguardo i Comuni stanno predisponendo le schede di intervento, anche se complice anche la fase emergenziale, si registrano ritardi in merito; si è ritenuto dunque proporre (approvata all’unanimità) una proroga del Ripov, ad invarianza finanziaria, anche per il 2022.
Sempre ai sensi della dgr n. 610/2020 Progetto RIPov sono stati finanziati due bandi (per il Comprensorio del Pov) rispettivamente a favore delle imprese agricole (5 milioni di euro) e le attività produttive pmi e artigiane per ulteriori 5 milioni di euro, nonché 2.217.000,00 a favore dei miglioramenti dei servizi di forestazione in area Pov soggetto attuatore Consorzio di Bonifica.

Altro argomento affrontato, il fabbisogno, nell’ambito del comprensorio sia dell’edilizia di Culto sia della viabilità provinciale, per i quali a fronte del favore espresso dal Comitato, si è deciso, tuttavia di rimandare l’effettiva ed assegnazione delle risorse, all’effettivo accertamento delle risorse allocate sul bilancio regionale che ad oggi ammontano (in previsione) a circa 60 milioni di euro.
Inoltre è iniziata la discussione in merito alla proroga del Progetto Obiettivo Inclusione (progetto per le disabilità interamente finanziato con le risorse del Pov) che si approssima alla scadenza.

Il Comitato dei sindaci si è mostrato sostanzialmente favorevole ad una eventuale proroga prevedendo, tuttavia, la necessità di includere anche aventi titolo dei cinque comuni, attualmente non ricompresi nel Progetti, vale a dire Accettura, Castelmezzano, Cirigliano, Pietrapertosa e Stigliano.
La riunione è stata l’occasione per una verifica dello stato di attuazione del POV con particolare riferimento agli interventi finanziati con le prime due fasi assegnati ai Comuni. A riguardo sono sostanzialmente in fase conclusiva gli interventi programmati con i cosiddetti DPC (Documenti Programmatici Comunali), mentre resta da verificare lo stato d’attuazione degli interventi finanziati cosiddetti extra DPC.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares