X
<
>

Condividi:

L’impatto nel tratto materano della statale Fondovalle dell’Agri. La vittima è il 51enne Luigi Ancora di Montalbano Jonico

di ANNA CARONE
E’ MORTO Luigi Ancora, noto a tutti come Gino, l’agente di Polizia Municipale di Montalbano, di soli 51 anni, mentre era in servizio sulla SS 598, fondovalle dell’Agri, in località “Cuccuvia”.
Ancora da definire le esatte dinamiche dell’incidente che è avvenuto nella tarda mattinata; molto probabilmente l’impatto si è verificato mentre l’agente, Gino Ancora, fuori dal suo veicolo di servizio stava consentendo ad un pullman di fare la manovra per entrare nella via rurale, fermando il traffico lungo la statale.
La Peugeot nera, guidata da una donna ha dapprima urtato una Panda, investendo poi il vigile e successivamente anche la macchina di servizio.
La scena si presentava con l’autobus in posizione trasversale sulla carreggiata, la macchina dei vigili urbani contro il guard rail a suo ridosso vi era la Peugeot e, poco distante dalle altre, una Fiat Panda.
Immediati sul posto le ambulanze del Servizio 118, i Carabinieri di Montalbano e di Policoro, i Vigili del Fuoco di Policoro e uomini della Polizia Municipale di Montalbano che, sotto una pioggia battente, hanno potuto soltanto constatare la perdita del caro amico e collega.
Rimasta ferita la conduttrice della Peugeot nera che è stata trasferita al nosocomio di Policoro. Grande dolore nella comunità jonica sin dai primi istanti dalla diffusione della notizia per un uomo serio nell’espletamento del suo servizio e sempre pronto a sopperire alle necessità del Comune e del suo Comando che conta pochissimi uomini. Gino, un geometra, con tanta passione per i suoi studi, con la stessa passione e dedizione ha servito, infatti, il comune di Montalbano in tutti i momenti della vita ordinaria e straordinaria, lascia moglie e un figlio.
Era sulla Fondovalle dell’Agri per servizio in quanto l’Associazione “Terra dei Calanchi”, con alcuni docenti della Facoltà di Geologia dell’Università di Bari e le terze classi della scuola primaria di Montalbano e di Bari, avevano aderito al progetto nazionale “Invasioni digitali”.
Mentre il gruppo di Montalbano sin dalle prime ore del mattino ha avviato la manifestazione concludendola attorno a mezzogiorno, il gruppo di Bari è giunto più tardi nella comunità jonica; il pullman su cui i partecipanti baresi hanno viaggiato era giunto in paese per consentire loro l’accesso ai Calanchi dal centro storico, imbocco “Appiett u mulin” per poi scendere sul Fondovalle dove li avrebbe ripresi alla fine del percorso.
L’agente Gino Ancora, con la macchina di servizio aveva accompagnato il pullman sulla Valle dell’Agri e al momento della manovra per imboccare la strettoia rurale è avvenuto il grave impatto.
Per diverse ore il traffico è stato deviato anche con l’aiuto dei volontari della Protezione civile di Montalbano.
Presenti sul posto quanti, spesso, si sono trovati a lavorare con Gino nel corso di questi anni: il Maresciallo del Comando stazione dei Carabinieri di Montalbano, Domenico Laviola, l’appuntato Massimo Muci, l’Assessore comunale, Anna Gagliardi e, non ultimo, Francesco Rinaldi, altro agente della Polizia Municipale di Montalbano, sgomento fra lo svolgimento della sua funzione e il piangere l’amico e collega scomparso.
La salma è stata traslata presso il cimitero di Montalbano per tutti gli adempimenti propedeutici alle esequie. In Ospedale a Policoro è stata invece ricoverata la donna, 27 anni della provincia di Potenza, alla guida della Peugeot nera. In corso gli accertamenti di rito. Non è in pericolo di vita.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA