X
<
>

L'incidente di Irsina in cui ha perso la vita Rosa Sprovera (foto da facebook)

Tempo di lettura 3 Minuti

Rosa Sprovera, di Oppido Lucano, è deceduta dopo l’impatto in cui sono rimaste ferite due persone, finite in prognosi riservata: uno è un bambino

IRSINA (MT) – Ancora sangue  sulla SS 96 bis. Al  km 12, in prossimità dello svincolo per Borgo Taccone nel territorio di Irsina è avvenuto uno scontro frontale tra due utilitarie (una Fiat Punto  e una Nissan Micra): nell’incidente ha perso la vita, Rosa Sprovera una giovane mamma di quarantasei anni di Oppido Lucano. Altre due persone tra cui un bambino di otto anni sono ricoverate in prognosi riservata al San Carlo di Potenza mentre per altre due persone prognosi più benigna con una bambina di 2 anni e mezzo che è rimasto pressocchè illesa dopo l’impatto e che può ringraziare l’utilizzo corretto del seggiolino nel quale era posizionata e adeguatamente protetta.

Rosa Sprovera viaggiava  in compagnia di  suo figlio  più piccolo di otto anni e lascia il marito e un’altra figlia adolescente. Questa nel dettaglio la ricostruzione di quanto avvenuto nella tarda mattinata di ieri. Erano circa le dodici quando alcuni agricoltori che stavano lavorando nei campi in prossimità del luogo dove è accaduto l’incidente,  sono stati attratti da un forte “botto”. Un impatto che non poteva passare inosservato.

Sul posto sono accorsi subito i carabinieri della compagnia radiomobile di Tricarico, i Carabinieri  di Irsina e di Acerenza , i presenti assicurano che  in tempi rapidi sono arrivati sul posto due eliambulanze  e due ambulanze del servizio 118. 

Nella Punto che viaggiava  in direzione di Potenza  si trovava a bordo  una giovane coppia di Irsina in  compagnia della figlia, di due anni e mezzo, seduta  sui sedili posteriori, prontamente soccorsi e trasportati presso  l’Ospedale di Potenza. La bambina ha riportato una prognosi di pochi giorni uscendo quasi illesa, il papà se la caverà in 30 giorni mentre la mamma resta in prognosi riservata a Potenza.  Sulla Micra, viaggiava la sfortunata donna in compagnia di suo figlio,  anche lui ricoverato in prognosi riservata sempre presso l’Ospedale di Potenza.

La dinamica e le cause che hanno generato questo  ennesimo brutto  incidente  sono   al vaglio degli inquirenti, sul posto si sono potute osservare le due utilitarie frontalmente accartocciate sulla carreggiate in direzione di Potenza.

La salma della donna è stata trasportata nel primo pomeriggio presso l’Obitorio del Cimitero comunale di Irsina, dove sarà ispezionata per disposizione del giudice.

Questo tratto si strada  continua a mietere vittime, e soprattutto giovani, a poche centinaia di metri di distanza, di recente è costata la vita ad un centauro di origini pugliesi, pochi chilometri prima del luogo dell’incidente.  Da   pochi mesi, è  ancora viva la scomparsa sempre a causa di un incidente stradale di Michele, un giovane ventenne di Irsina. La lista nera sarebbe davvero lunga, e  formata soprattutto da giovani. Spesso, le principali cause di incidenti mortali vengono imputate al cattivo stato del fondo stradale, in altri casi  all’alta velocità, in questo caso purtroppo, le cause sono tutte da accertare, l’incidente è avvenuto in pieno giorno, e  su un tratto di strada appena riasfaltato. E soprattutto, una volta accertate le cause e ragioni, resta purtroppo il dolore di una famiglia spezzata,  o il dolore di persone che magari non torneranno ad essere più  le stesse.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares