X
<
>

I due mezzi coinvolti nell'incidente

Tempo di lettura 3 Minuti

Edili e sindacati: colpa della mancanza di asfalto drenante in condizioni di pioggia

FERRANDINA (MT) – Una persona è morta e un’altra è rimasta ferita in un incidente stradale avvenuto stamani – per cause in fase di accertamento – e che ha coinvolto un’autovettura e un furgone sulla strada statale 407 Basentana nei pressi di Ferrandina (km 62,500). La vittima è un giovane operaio di un’azienda di Ferrandina.

Nemmeno una settimana fa, nello stesso posto, l’impatto che è costato la vita a una donna di 44 anni.

Sul posto sono intervenuti uomini delle forze dell’ordine, i Vigili del fuoco e gli operatori sanitari del 118 che hanno trasportato il ferito in codice rosso all’ospedale Madonna delle Grazie di Matera. L’incidente è avvenuto intorno alle ore 7, probabilmente a causa della pioggia intensa. L’Anas, in un comunicato, ha reso noto che la circolazione è ripresa regolarmente.

GLI EDILI ATTACCANO
L’ennesimo incidente mortale sulla strada statale  407 Basentana induce Confapi Matera e Fillea Cgil Matera, Filca Cisl Basilicata e Feneal Uil Basilicata a intervenire per chiedere all’Anas interventi urgenti di messa in sicurezza di quella che è diventata una delle strade più pericolose della regione.

Da sempre sensibili al tema delle infrastrutture viarie del territorio, l’Associazione imprenditoriale e i Sindacati dei lavoratori edili – affermano in un comunicato congiunto –, denunciano lo stato di assoluta precarietà in cui versa la strada statale Basentana, importantissima arteria di collegamento tra i due capoluoghi di provincia, con la fascia jonica e con le aree interne.

L’incidente di questa mattina è stato dovuto alla mancanza di asfalto drenante in condizioni di pioggia. Ma le criticità della Basentana riguardano anche la mancanza dello spartitraffico centrale nel tratto materano tra Calciano e Metaponto e l’assenza di barriere antivento.

La deficienza maggiore, tuttavia, è proprio l’asfalto che non riesce più a drenare l’acqua; la prova è data dal fatto che nella medesima giornata, cioè con le medesime condizioni di pioggia, le strade statali 96 e 99, quelle che collegano Matera a Bari, erano praticamente asciutte grazie alla presenza di un asfalto perfettamente drenante.

Per questo motivo, Confapi Matera e Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil, rappresentando gli interessi degli imprenditori e dei lavoratori che quotidianamente percorrono la Basentana, e anche facendosi carico di un problema che riguarda l’intera collettività, invitano il Compartimento Anas di Basilicata a effettuare con ogni urgenza interventi di manutenzione della strada, a cominciare dall’asfalto drenante.

I Sindacati edili e l’Associazione imprenditoriale denunciano da anni, oltre alla carenza di infrastrutture stradali nella provincia, anche la mancanza di manutenzione delle strade esistenti. La situazione di criticità non riguarda ovviamente solo la Basentana, ma anche altre strade della regione e altri enti proprietari, laddove basterebbe una semplice manutenzione del manto stradale per aumentare la sicurezza degli utenti ed evitare il degrado delle infrastrutture.

Confapi Matera e Fillea Cgil Matera, Filca Cisl Basilicata e Feneal Uil Basilicata, pertanto, sollecitano la convocazione urgente dell’Osservatorio regionale delle opere pubbliche che già aveva cominciato a discutere di questi problemi.

ANAS SI DIFENDE
“In relazione alle notizie di stampa che si stanno susseguendo in maniera errata circa la presunta mancata pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del bando di gara relativo al primo stralcio dei lavori di riqualificazione sulla strada statale 407 Basentana, in provincia di Matera, Anas rende noto di aver completato l’iter amministrativo per la pubblicazione del bando relativo all’appalto nella Gazzetta Ufficiale 117 di lunedì 8 ottobre 2018. Ulteriori dettagli saranno forniti in contestualità con la pubblicazione della gara d’appalto in Gazzetta ufficiale”.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares