X
<
>

Il luogo del ritrovamento del cadavere

Tempo di lettura 3 Minuti

Il corpo di un uomo è stato ritrovato ieri in mattinata, verso le 10, in località Fosse del Tenente a Montescaglioso. Dovrebbe trattarsi anche se una conferma potrà arrivare solo dopo l’autopsia del corpo di Angelo Ferrante l’anziano uomo di Bernalda, 77 anni, scomparso lo scorso 6 gennaio dopo essere uscito per andare a “cicorielle” in contrada Bufalara. Il luogo della sparizione di Ferrante e quello del ritrovamento del corpo non sono particolarmente lontani, si parla di 2-3 chilometri in linea d’area e ciò renderebbe decisamente possibile che si tratti appunto di “Lillino” come viene chiamato da tutti.

Nello specifico ieri mattina un cacciatore che si trovava dalle parti di Fosso del Tenente con i propri cani laddove si trova tra l’altro anche un piccolo torrente ha visto dall’altra parte della riva in un posto impervio quello che sembrava il corpo di un uomo ed ha fatto scattare l’allarme con l’arrivo verso le 12 delle forze dell’ordine sul posto innanzitutto Vigili del Fuoco e Carabinieri. Le operazioni di intervento sono durate alcune ore e non sono state affatto semplici perchè la zona nella quale si trovava il corpo è decisamente difficile da raggiungere.

I Vigili del fuoco hanno dovuto imbracarsi e farsi largo tra i rami con una motosega per riuscire a raggiungere il corpo che è stato poi tirato sù al termine di un lavoro alquanto complesso per riuscire a recuperarlo. Nelle prossime ore il magistrato dovrà autorizzare ufficialmente l’autopsia sul corpo dell’uomo da cui si capirà effettivamente la causa del decesso e si accerterà l’identità dell’uomo.

A quanto pare pur avendo mostrato le forze dell’ordine delle foto anche con riferimento ad indumenti indossati ai familiari dell’uomo non è stato possibile avere delle certezze.
Al momento diverse possono essere le ipotesi su come il corpo sia arrivato fin lì.

E’ probabile, come del resto i familiari avevano sostenuto sin dall’inizio che l’uomo in buona salute si sia allontanato non poco dal luogo in cui si era fermato per cercare cicorielle in contrada Bufalara.
A questo punto potrebbe essere intervenuto un fatto imprevisto (una caduta o un malore?) che avrebbe di fatto impedito di chiedere qualsiasi tipo di soccorso.
Resta da capire come il corpo può essere arrivato fin lì, diverse le possibili ipotesi. Difficile pensare che lo stesso Lillino abbia potuto fare tanta strada anche se probabilmente ne ha fatto di più del raggio di azione che si era immaginato inizialmente durante le ricerche.

Altra ipotesi è che il corpo trovato sulle sponde di un torrente possa essere stato trascinato dalla corrente anche se, e questo rende l’ipotesi tutta da verificare, l’andamento della corrente dovrebbe naturalmente portare in una direzione diversa.
La salma dell’uomo è stata trasferita presso il cimitero di Bernalda in attesa che l’esame autoptico possa dare risposte definitive rispetto a quelle ricavate ieri.
Anche però lo stato del corpo confermava il fatto di essere lì da parecchio tempo e anche questo lascerebbe pensare che si tratterebbe proprio dell’anziano di Bernalda di cui si erano perse le tracce.

Angelo Ferrante, detto “Lillino” appunto 77 anni di Bernalda era cercato dal giorno dell’Epifania. Come detto era uscito a cercare cicorielle in contrada Bufalara laddove è stata ritrovata la sua auto e sono state avviate proprio da lì in un raggio che è poi diventato sempre più ampio le sue ricerche.
Tra le ipotesi che sono state prese in considerazione circa la sorte dell’anziano vi è anche quella di un incidente di caccia visto che sono stati uditi proprio in quella zona e quella mattina dei colpi di fucile. Anche se non ci sono stati poi raccolti elementi a testimonianza di un simile evento malgrado i colpi di fucile siano stati uditi chiaramente.

Ad un certo punto delle ricerche a dare una mano c’è stato anche Simba, un cane pastore tedesco in dotazione al Nucleo Carabinieri cinofili di Bologna, addestrato in Germania per seguire le tracce di sangue e trovare persone scomparse.
È l’unico esemplare del genere in Italia anche se nemmeno lui è riuscito a fiutare pur avendo capacità specifiche ed un addestramento elementi che consentivano di arrivare sino a Lillino. Probabilmente molto più distante di quello che si potesse pensare.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA