X
<
>

Il centro vaccinale di via Sallustio a Matera

Tempo di lettura 2 Minuti

MATERA – L’hub vaccinale di via Sallustio resta chiuso. La conferma arrivata ieri sera dal sindaco di Matera Domenico Bennardi che sottolinea come «il centro eseguiva 500 inoculazioni al giorno. Oggi il centro è chiuso per mancanza di risorse, di personale sanitario e informatico». In realtà questa chiusura sembra tanto una sorta di reazione ad un conflitto istituzionale tra Regione e Comune di Matera sulle categorie da vaccinare. Le vaccinazioni agli autisti della Miccolis effettuata dal Comune che ha messo in difficoltà la Regione che aveva negato questa scelta a livello regionale ma anche la polemica tutta materana sulle vaccinazioni ai dipendenti comunali.

Tutti o quasi per chi accusa e una parte dell’opposizione, solo le categorie essenziali per l’Amministrazione comunale. In questo contesto evidentemente critico la toppa sembra però peggiore del buco. La Regione infatti non sceglie di serrare le fila, di controllare direttamente chi vaccinare, di intervenire di più ma di continua a garantire un servizio indicando anche le categorie da vaccinare ad esempio una parte dei fragili e degli ultrafragili che si stanno prenotando e che potrebbero benissimo vaccinarsi in via Sallustio basterebbe coprirne i costi (non eccessivi per quello che si sa) e definirne gli appuntamenti con le prenotazioni. No la Regione chiude il centro di via Sallustio. Risultato se fino ad ora Matera era in grado di vaccinare 400 persone alle tende del Qatar e 400-500 in via Sallustio oggi questo numero si dimezza.

Non si chiudono “le corsie preferenziali” (ammesso che ve ne siano state) ma si riducono del tutto le vaccinazioni quotidiane. Una sorta di genialata. Che nasce evidentemente da un rapporto deteriorato con il Comune, che allontana rendendo quasi impossibile norme alla mano le vaccinazioni agli operatori turistici ma che rischia di rallentare ulteriormente un piano vaccinale che invece dovrebbe solo accelerare.

IL CONTRACCOLPO POLITICO – La questione delle vaccinazioni agli autoferrotranvieri non passa inosservata tanto che ieri il consigliere regionale di Forza Italia Gerardo Bellettieri ha scritto: «Quanto accaduto a Matera è inaccettabile, ho appreso dalla stampa locale che il Comune di Matera in maniera autonoma e non autorizzata ha inteso di somministrare il vaccino Anti-covid ai lavoratori del Servizio urbano della città”.

“Risulta intollerabile che un Amministrazione comunale utilizzi i vaccini per mera campagna elettorale, e che non rispetti le linee guida del Ministero della Salute, nonché della regione Basilicata, creando discriminazione tra i lavoratori e i cittadini. La confusione e le azioni unilaterali non aiutano, di certo, la nostra Regione ad uscire dalla crisi pandemica mondiale che ci siamo ritrovati ad affrontare. Solo la sinergia tra il Governo, la Regione e i Comuni, porterà a risultati concreti” continua Bellettieri.

“Che i lavoratori dei trasporti, in egual modo quelli dei Servizi ecologici, vadano vaccinati è auspicato da noi tutti”.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares