X
<
>

Le vaccinazioni a Matera alle tende del Qatar nei giorni passati

Tempo di lettura 2 Minuti

MATERA – Le vaccinazioni ormai sono impossibili per tutto il mese di maggio a Matera città. Punto vaccinale pieno e dunque serve indicare un diverso Cap al sistema di prenotazione per poter andare altrove. Fino a pochi giorni fa si riusciva con date distanti almeno un paio di settimane a prenotare a Policoro o ancor meglio a Pisticci.

Oggi anche questa eventualità, in base ad una verifica fatta ieri è risultata impossibile, anche prenotando da Pisticci o da Policoro la prima sede utile dove poter andare a fare la vaccinazione è Senise e comunque ben oltre il 20 di maggio e ci sono poi in altre aree della regione possibilità di prenotazioni ma comunque non immediate a Venosa e qualcosa nella prima settimana di maggio era ancora possibile anche a Potenza.

Questi gli elementi che emergevano ieri e che mostravano di fatto una gran parte delle prenotazioni complete da un lato. In provincia di Matera nessun dei punti vaccinali, cinque al momento, permetteva entro maggio possibilità di vaccinazioni. Ma questo bisogna aggiungere che ci sono ancora molte persone, una fetta importante di over 70 e fragili che attendono di poter effettuare la prenotazione ma che ancora non sono riusciti a farla e comunque non nella sede indicata in base al cap di appartenenza.

In questo senso diventa ancora più necessaria e urgente la decisione da parte della Regione, annunciata nei giorni scorsi, di aperture di altri cinque punti vaccinali nei Comuni con una popolazione complessiva di più di 10.000 abitanti in modo da poter avere ulteriori punti vaccinali, due in provincia di Matera e tre in quella di Potenza nelle quali riuscire a convogliare ulteriori prenotazioni.

Se da un lato dunque il sistema delle prenotazioni ha permesso un’accelerata nei numeri delle vaccinazioni e ha permesso anche di programmarne un numero importante per tutto il prossimo mese dall’altra però non ha consentito ancora di coprire completamente le categorie dei fragili e dei 60-79 anni che possono prenotarsi in questo momento come categorie prioritarie.

Molte rimangono le necessità di riuscire a “recuperare” una serie di situazioni e di categorie che non hanno ancora potuto accedere alla prenotazione e che magari con un’immediata apertura dei nuovi punti vaccinali potranno riuscire a garantire nuove opportunità a chi è ancora rimasto fuori o a chi ha deciso di aspettare.

Stando alle notizie di ieri sera ancora non si conosce la data di avvio delle vaccinazioni nei cinque nuovi punti vaccinali (Lavello, Avigliano, Rionero, Bernalda e Montescaglioso) con il primo passo nei prossimi giorni che dovrà essere l’inserimento dei Comuni all’interno della piattaforma di prenotazione. Da quel momento scatteranno le possibili prenotazioni e poi si definirà una data, non prima di una settimana dall’avvio delle prenotazioni, nella quale far partire le vaccinazioni vere e proprie. Ma di certo questo ausilio diventa fondamentale in una condizione in cui oggi è tutto prenotato per il prossimo mese.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA