X

Un tampone per il Covid-19

Tempo di lettura 3 Minuti

MATERA – Sono risultati tutti i negativi i tamponi, circa una quarantina fatti a Irsina a seguito della positività riscontrata ad un’operatrice sociale due giorni fa. La ricostruzione di una serie di contatti ha reso necessaria questa verifica che però ha dato, fortunatamente esito negativo. Nei prossimi giorni comincerà anche a Irsina l’operazione dei tamponi a tappeto per tutta la comunità, così come è stato fatto per gli altri comuni compresi nelle zone rosse, Moliterno e Tricarico.

Precauzioni, dunque, nonostante si torni verso la quota zero: dopo la «doccia fredda» del primo maggio con undici nuovi contagiati, ieri il bollettino quotidiano di aggiornamento diffuso dalla task force regionale ha registrato, tra gli ultimi 453 tamponi analizzati, solo due positivi al coronavirus (nel comune di Matera).

In serata il sindaco di Bernalda, Tataranno, comunica un nuovo caso positivo: un ricovero con sintomi respiratori importanti che fa temere un nuovo focolaio slegato dai precedenti.

L’ANDAMENTO – Gli undici tamponi positivi sui 495 analizzati in Basilicata il giorno precedente (ovvero il 30 aprile) erano invece distribuiti in otto comuni (uno ciascuno a Moliterno, Roccanova, Cersosimo, Senise, Tramutola, Marsiconuovo e Irsina; quattro a Marsicovetere). I casi in regione sono 388, restano 25 le persone morte (dato fermo da oltre una settimana) e 164 i guariti (quattro in più rispetto alla rilevazione precedente). Nei due principali ospedali della Basilicata sono 52 le persone ricoverate, delle quali solo quattro in terapia intensiva, tutte al «Madonna delle Grazie» di Matera. I lucani in isolamento domiciliare sono 139. In totale, in Basilicata sono stati effettuati 13.722 tamponi.

I TRASPORTI – Intanto il trasporto pubblico extraurbano si adegua alla ripresa delle attività produttive e soprattutto delle principali aree industriali, come San Nicola di Melfi, dove opera la Fiat Chrysler, Val Basento in provincia di Matera, Balvano, Val d’Agri. Dopo incontri a distanza con i rappresentanti delle associazioni di categoria, dei sindacati, degli enti locali, si ripartirà nelle prossime settimane, già da domani, con la riapertura degli stabilimenti industriali.

«Il risultato di questi incontri – afferma l’assessore ai Trasporti Donatella Merra – è la riorganizzazione dei servizi rispetto a quello che è l’avanzamento del mondo produttivo in questo inizio della seconda fase dell’emergenza. I requisiti di sicurezza a cui i sevizi di trasporto dovranno adeguarsi sono stati sanciti e pubblicati nelle ultime ore dal governo nazionale e le aziende hanno già dunque una linea da seguire obbligatoriamente. Una nuova ordinanza regionale, già delineata sulla base delle risultanze dei confronti ai tavoli, sarà lo spartito su cui prenderanno forma l’organizzazione e le nuove modalità di trasporto».

LE MASCHERINE – Intanto 1000 mascherine Ffp2 sono state donate alle unità del 118 Basilicata sparse su tutto il territorio regionale: la donazione è stata possibile grazie al sostegno dei portavoce 5S in Consiglio regionale, Camera e Senato (Gianni Perrino, Carmela Carlucci, Gianni Leggieri, Mirella Liuzzi, Luciano Cillis, Agnese Gallicchio e Arnaldo Lomuti). «Il ringraziamento più grande va agli operatori sanitari che in queste ore si stanno spendendo senza sosta per mettere fine a questa emergenza», commenta il Movimento 5 Stelle Basilicata.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares