Andrea Sansone con il bozzetto del carro (foto da fb)

Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 Minuti

L’opera in cartapesta che sfilerà il 2 luglio sarà realizzata dall’artista materano Andrea Sansone

MATERA – E’ incentrato sul tema «Tutti i credenti stavano insieme e avevano ogni cosa in comune», tratto dagli Atti degli Apostoli, il bozzetto del carro trionfale di cartapesta 2017 che sarà utilizzato a Matera per la processione del 2 luglio in onore della Protettrice della città, Maria Santissima della Bruna.

L’opera, presentata per la prima volta in cattedrale a giornalisti, autorità e cittadini, sarà realizzata dall’artista materano Andrea Sansone, che ha costruito finora tre carri, l’ultimo dei quali nel 2015. Sansone, che ha cominciato a plasmare il carro in un laboratorio del Paip, in attesa che a fine febbraio vengano ultimati i lavori del nuovo fabbricato nella sede tradizionale del rione Piccianello, ha riferito di aver realizzato il bozzetto negli ultimi giorni prima della scadenza del bando e che, come sua consuetudine, non lo ha firmato perché opera collettiva insieme ad altri collaboratori. L’opera, che sarà ultimata e presentata nel prossimo mese di giugno, è caratterizzata da scene, statue e pannelli policromi incentrati sull’insegnamento degli Apostoli e del concetto di «comunione».

La commissione giudicatrice premierà, in una cerimonia che si terrà sabato prossimo a Palazzo Lanfranchi, i tre bozzetti che hanno concorso per la categoria «non professionale». La presentazione dei bozzetti è stata preceduta dagli interventi dell’Arcivescovo, monsignor Giuseppe Antonio Caiazzo, e del delegato arcivescovile don Vincenzo Di Lecce, che hanno illustrato il significato del tema scelto quest’anno, e dal presidente dell’Associazione «Maria Santissima della Bruna», Domenico Andrisani, che ha annunciato l’inaugurazione del nuovo laboratorio del carro trionfale del rione Piccianello per la fine di febbraio: «Qui – ha aggiunto – potrà essere attivata anche una scuola della cartapesta, per dare continuità a un’arte della tradizione produttiva locale».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •