X
<
>

Peter Cincotti (foto di Vick Stivala da facebook)

Tempo di lettura 2 Minuti

Il concerto di Ludmil Angelov precede di pochi giorni la straordinaria inaugurazione che, il prossimo weekend, in due attesissimi appuntamenti vedrà esibirsi il pianista e cantante jazz americano Peter Cincotti

MATERA – Una grande esclusiva all’Auditorium Gervasio di Matera: il famoso pianista bulgaro Ludmil Angelov, un autentico virtuoso della tastiera, si esibirà con l’Orchestra ICO “Magna Grecia” diretta da Michele Nitti. 

È “La musica sale e pepe”, il concerto di presentazione della XV Stagione “Matera in Musica” di Festival Duni e ICO “Magna Grecia”, evento che precede di pochi giorni la straordinaria inaugurazione che, sabato e domenica prossimi, in due attesissimi concerti vedrà esibirsi a Matera il pianista e cantante jazz americano Peter Cincotti. 

Il titolo di questo concerto, “La musica sale e pepe”, è dedicato alla nuova formula di questa rassegna concertistica che vedrà, in collaborazione con Cook&Love, presentare un libro e un vino, in questo caso “Al di là del mare’’ di Monica Capasso e una “etichetta” della cantina Feudo Monaci, in modo da colpire non solo i cinque sensi dello spettatore, ma anche il sesto senso dell’emozione: questa è la “Stagione dei sei Sensi”.

Nel concerto di Matera Ludmil Angelov affronterà due partiture per pianoforte e orchestra scritte da compositori dei quali è uno dei massimi esecutori. 

Del polacco Fryderyk Chopin eseguirà le Variazioni per pianoforte e orchestra sul tema di “Là ci darem la mano”, un’aria dal “Don Giovanni” di Mozart; il brano chopiniano è composto da un’introduzione, cinque variazioni e un finale: recensendolo il compositore Robert Schumann, giovane critico musicale per un giornale di Lipsia, scrisse il famoso “Giù il cappello, signori: un genio.

In seguito il pianista bulgaro si cimenterà nell’esecuzione del Concerto n.4 per piano e orchestra del compositore Nikolaj Girševič Kapustin, un musicista contemporaneo russo “contagiato” dal jazz americano di Gershwin: Ludmil Angelov è universalmente considerato come il principale interprete a livello mondiale dei brani pianistici di Kapustin, partiture raramente eseguite in pubblico che lo stesso compositore russo “affida” per la prima esecuzione assoluta proprio ad Angelov. 

Completa il programma di questo concerto l’esecuzione da parte dell’Orchestra ICO “Magna Grecia”, diretta dal podio nell’occasione da Michele Nitti, della ouverture di “Ruslan e Ludmilla” di Michail Ivanovič Glinka e della suite orchestrale “Les Animaux modèles” di Francis Poulenc. 

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares