Tempo di lettura < 1 minuto

POTENZA – Il suo hashtag racchiude un po’ tutto quello che spiega di essere stato: politico, amministratore, istituzione. Da sindaco di Potenza e delegato Anci per il Mezzogiorno negli ultimi anni spiega di aver raccolto, compreso, vissuto e difeso le difficoltà dei Comuni, le stesse di quello che ha amministrato e con cui si è confrontato da nord a sud del Paese.

Ora, da candidato al consiglio regionale con il Pd, Vito Santarsiero dice di voler difendere #131 ragioni, richiamando il numero dei comuni che spera di poter rappresentare se eletto in consiglio a viale Verrastro. 

Attorno all’hashtag  lo staff di comunicazione ha costruito un evento sociale divertente. Ha chiesto agli elettori di inviare un breve video (massimo 5 secondi) scegliendo la propria ragione. I contributi raccolti serviranno a costruire il video collettivo per la chiusura della campagna elettorale.

C’è poi una parte importante della campagna di comunicazione di Vito Santarsiero che si ferma sulla città di cui è primo cittadino da circa dieci anni. In quasi chiusura di mandato, mentre concorre per l’elezione in consiglio regionale, prova a ricordare «l’impegno» messo nell’attività amministrativa su Potenza. Una intera serie di fotografie mostra il prima-e-dopo di numerosi angoli di città che – racconta con questa campagna – la sua amministrazione ha contribuito a migliorare.

s.lorusso@luedi.it

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •