Salta al contenuto principale

Prove generali di Partito della Nazione
Un centrista alla presidenza del Consiglio

Basilicata
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 45 secondi

POTENZA – Cinque mesi fa "assaltava" i banchi della presidenza in una seduta convulsa (vedi foto), oggi siede proprio sulla seconda poltrona più importante della massima assemblea elettiva lucana. Francesco Mollica (Udc) è il nuovo presidente del Consiglio regionale. E’ stato eletto, ieri, con 12 voti. Nella stessa votazione, Giovanni Perrino (M5s) ha riportato 6 voti. L'assemblea ha poi completato la nomina del nuovo Ufficio di Presidenza con due votazioni successive: vicepresidenti sono stati eletti i consiglieri Paolo Galante (Ri) con 11 voti e Paolo Castelluccio (Pdl-Fi) con 8 voti. I nuovi consiglieri segretari sono Achille Spada (Pd), eletto con 14 voti, e Gianni Rosa (Lb-Fdi) che ha ottenuto 4 voti. Il capogruppo pd Roberto Cifarelli non ha condiviso l'allargamento della maggioranza e si è dimesso dall'incarico.

LE REAZIONI Il governatore lucano ha fatto i suoi auguri al nuovo presidente: “Nella politica - ha detto - ci sono intuizioni ed evoluzioni che dobbiamo saper cogliere”. Per i consiglieri grillini Leggieri e Perrino "Pittella dà la sacra unzione a Pd lucano" e inaugura una stagione di “mucchio selvaggio" in Consiglio regionale: "Tutti insieme voluttuosamente nel Partito della Nazione: il duo Mollica e Pace convola a nozze con Pittella”. Secondo il leader della minoranza interna del Pd, il potentino Roberto Speranza, quella di ieri è "un'epurazione" che rappresenta "il primo atto della moratoria" attuata da Renzi: l'ex presidente del gruppo pd alla Camera collega tutto alla "campagna referendaria sulle trivelle dove Lacorazza è stato tra i protagonisti". Lo stesso Lacorazza commenta così: "I renziani mi hanno epurato, sarei autore del delitto di lesa maestà ma non baratto la coerenza con una poltrona". 

CHI È Mollica è nato a Venosa il 9 luglio 1959 ed è funzionario presso la Prefettura di Potenza. Consigliere comunale ad Anzi dal 1993 al 2001 e nello stesso periodo consigliere della Comunità montana Camastra – Alto Sauro, è stato consigliere provinciale dal l995 al 1999 e componente del cda del Centro di drammaturgia europeo, della Commissione viabilità e trasporti dell'Unione province italiane (Upi) e del cda dell’Apof. Eletto consigliere regionale nel 2000, è stato assessore regionale alle Infrastrutture dal 2005 al 2007, presidente della terza Commissione permanente dal 2000 al 2005 e dal 2007 al 2010. Dal 2013 ad oggi è stato vicepresidente del Consiglio regionale.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?