Salta al contenuto principale

La carica dei pensionati: tutti a Roma
per rivendicare «diritti e dignità»

Basilicata
Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 48 secondi

Partiranno 10 pullman di pensionati dalla Basilicata per la grande manifestazione indetta da Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil per il 19 maggio a piazza del Popolo a Roma. Lo hanno annunciato il segretario generale di Spi Cgil Basilicata Nicola Allegretti, la segretaria provinciale Spi Cgil Potenza Beatrice Galasso, i segretari generali Cisl Fnp Basilicata Enzo Zuardi e Uilp Uil Basilicata Vincenzo Tortorelli all’assemblea unitaria che si è svolta a Potenza. 

“A testa alta: tutti insieme per rivendicare diritti e dignità dei pensionati” è lo slogan con cui migliaia di pensionati chiedono al Governo e Parlamento il rispetto di quei diritti che finora sono stati negati: difesa delle pensioni di reversibilità, tutela del potere d’acquisto delle pensioni, recupero del danno prodotto dal blocco della rivalutazione, separazione tra previdenza e assistenza, uguali detrazioni fiscali per lavoratori dipendenti e pensionati, estensione degli 80 euro alle pensioni più basse, modifica delle legge Fornero per facilitare la flessibilità in uscita e permettere l’entrata dei giovani nel mondo del lavoro, maggiori risorse per l’invecchiamento della popolazione e una legge quadro per la non autosufficienza. 

“I pensionati - dicono Allegretti, Zuardi e Tortorelli - da anni ormai sono diventati il bersaglio di una politica che specula sulla loro pelle solo per fare cassa. E ciò purtroppo riguarda i pensionati presenti e futuri, le generazioni che rischiano di arrivare alla pensione a 70 anni o di non arrivarci mai. La questione va affrontata di petto, eliminando la precarietà e versando i contributi. Questa manifestazione - continuano i segretari Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil – nasce per chiedere al governo di trovare finalmente insieme a noi le soluzioni più adeguate che possano mettere fine, una volta per tutte, a una situazione di perenne difficoltà nella quale i nostri pensionati sono costretti a vivere. Tutto ciò anche a danno dei nostri giovani che non riescono a trovare alcuna prospettiva lavorativa che permetta loro di costruirsi un futuro. E’ per questo – concludono – che il 19 maggio ci ritroveremo tutti insieme a piazza del Popolo per far sentire la nostra voce e pretendere che il governo ci dia ascolto”. I pensionati lucani che volessero partecipare devono rivolgersi ai sindacati territoriali di riferimento. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?