Salta al contenuto principale

Amministrative, affluenza al 63,72%
5 punti in meno rispetto alle precedenti

Basilicata
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 35 secondi

IN Basilicata erano circa 130mila gli elettori lucani chiamati alle urne per scegliere i nuovi sindaci e i consigli comunali. Alla chiusura dei seggi l'affluenza registrata è stata pari al 63,72%: 69,94 a Matera e 60,84 Potenza, in calo rispetto alle precedenti amministrative, quando si recò alle urne il 68,42% degli aventi diritto (alle 19 il dato dell'affluenza segnava una media del 44,20%, 46,25 a Matera e 43,26 a Potenza; alle 12 era del 16,21%: 17,43 a Matera, 15,64 a Potenza).

Si votava in 28 comuni: 21 in provincia di Potenza, sette a Matera. Solo a Melfi e Pisticci, cittadine con oltre 15mila abitanti, è previsto il ballottaggio nel caso che nessun candidato a sindaco raggiunga la metà più uno dei consensi: l'eventuale turno si svolgerà tra due settimane.

Alle urne anche a Balvano, Campomaggiore, Cancellara, Castelluccio Inferiore, Fardella, Francavilla in Sinni, Ginestra, Grumento Nova, Lagonegro, Lauria, Melfi, Oppido Lucano, Paterno, Rionero in Vulture, Ripacandida, San Chirico Raparo, San Martino D’Agri, Sarconi, Tramutola, Trecchina.
In provincia di Matera si vota a Pisticci, Aliano, Ferrandina, Grottole, Montescaglioso, Oliveto Lucano, Scanzano Jonico.

Lo scrutinio dei voti inizierà a partire dalle ore 23 di questa sera subito dopo la conclusione delle operazioni di voto e l'accertamento del numero dei votanti. Nei comuni con popolazione superiore a 15.000 e cioè Pisticci e Melfi la scheda reca i nomi e i cognomi dei candidati alla carica di sindaco, scritti entro un apposito rettangolo, sotto il quale sono riportati i contrassegni della lista o delle liste con cui il candidato è collegato. Qualora nessun candidato abbia conseguito la maggioranza assoluta dei voti validi, per l’elezione del sindaco si procede al turno di ballottaggio tra i due candidati più votati.

Negli altri 26 comuni lucani ogni elettore può manifestare non più di due voti di preferenza per candidati alla carica di consigliere comunale; nel caso di espressione di due preferenze, queste devono riguardare candidati di sesso diverso, a pena di annullamento della seconda preferenza.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?