Salta al contenuto principale

L'assessore difende le assunzioni Arpab: l'agenzia ha bisogno di personale, velocità ed efficienza

Basilicata
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 22 secondi

POTENZA – L’Arpab «ha bisogno di personale e di tecnologia» ma soprattutto di «velocità ed efficienza» in una regione con tante specificità come la Basilicata: è quindi necessario «andare avanti con trasparenza ma con tempi stretti per recuperare ritardi di anni».

Lo ha detto stamani, a Potenza, l’assessore regionale all’Ambiente, Francesco Pietrantuono (nella foto), nel corso di una conferenza stampa organizzata per illustrare i motivi che hanno portato la Regione a scegliere un’agenzia interinale per l'assunzione di circa 80 persone da impiegare nell’Arpab in base a un ampio Masterplan, con un fondo complessivo di circa 7,5 milioni di euro. «Le critiche - ha detto Pietrantuono - ci sembrano quindi strumentali, anche alla luce degli apprezzamenti sul nostro operato da parte della Commissione bicamerale». Non è «un bando ferragostano - ha aggiunto - perché scade il 30 settembre, a meno che qualcuno non intenda prolungare le ferie fino a fine mese» ed é sbagliato «mettere in dubbio l'efficacia o la trasparenza delle modalità delle selezioni perché l’Arpab ha individuato i criteri di scelta puntando sulla professionalità».

LE PAROLE DELLA COMMISSIONE ECOMAFIE SU ARPAB E PETROLIO

C'è infine un aspetto burocratico, in quanto «sarebbe difficile - ha concluso l’assessore - rendicontare con contratti diversi tutto ciò con i fondi europei, ed allungherebbe notevolmente i tempi: l’Arpab aspetta un rafforzamento da ben 20 anni, ed era necessario procedere garantendo contemporaneamente procedure di selezione corrette e trasparenti. Incontreremo i sindacati, per condividere le direttive e l’obiettivo di ridare dignità e credibilità all’Agenzia».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?