Salta al contenuto principale

Un anno senza Luongo, anche D'Alema a Potenza per ricordare l'ultimo segretario

Basilicata
Chiudi

Vincenzo Folino con il segretario del Pd lucano, Antonio Luongo

Apri
Didascalia Foto: 
Antonio Luongo (in primo piano, di profilo; dietro di lui, Vincenzo Folino)
Tempo di lettura: 
2 minuti 3 secondi

POTENZA – Si terrà lunedì 12 dicembre, alle ore 17.30 al Park Hotel di Potenza, l'iniziativa in ricordo di Antonio Luongo, figura della politica lucana apprezzata e riconosciuta oltre ogni colore ed appartenenza, protagonista della fase politica che ha visto il nascere dell'esperienza di centro-sinistra in Basilicata, ricordato da amici e compagni di partito in tutta Italia. Lo si apprende da una nota diffusa dalla Fondazione Basilicata Futuro. 

«Nell'occasione – si legge in una nota della fondazione – verrà presentato "Stagioni", un racconto collettivo, volume curato da Ugo Maria Tassinari, in cui esponenti ed amici parlano del leader, del compagno, dell'amico Antonio. Per la lunga amicizia e legame politico il presidente Massimo D'Alema, il cui ricordo compare nel volume, sarà intervistato dal giornalista Tommaso Labate sulle stagioni che hanno attraversato la politica lucana e italiana dagli anni Novanta ad oggi». 

Quando arrivo alle 6,30 in ospedale il piazzale della camera mortuaria è già affollato. Mi ha messo in allarme una collega della Rai, mezz’ora prima, svegliandomi per avere particolari (io curo l’ufficio stampa del San Carlo). Le prime notizie diffuse dalla Questura parlano di un incidente stradale perché Antonio è stato trovato riverso alla guida della sua auto, salita sul marciapiede e fermata da una ringhiera, a poche centinaia di metri da casa. È intervenuta una pattuglia della polizia intorno alle 4.30. Le sue ultime ore restano avvolte nel mistero. Dal pomeriggio non si sentiva bene. Le ultime telefonate in serata, tra le 20,30 e le 21: con Egidio Comodo, con Vito De Filippo. Poi è rimasto a guardare la televisione mentre, intorno alle 23, la moglie e la figlia sono andate a dormire. Ci si convince tutti del fatto che, per non disturbare nessuno, sia uscito a fare un giro in macchina per prendere una boccata d’aria (per qualcuno si sarebbe allungato al motel sulla Basentana per comprare le sigarette). Parole a vuoto, per spezzare l’angoscia del silenzio, per rassicurarsi che no, nessuno avrebbe potuto fare niente. «Se fosse andato in ospedale...». Ma la vettura proviene dalla direzione opposta. (Ugo M. Tassinari)

Per D'Alema il tributo a Luongo – segretario del Partito democratico lucano morto la notte dell'8 dicembre 2015 di ritorno da un'inziativa politica dopo un malore accusato mentre era a bordo della sua Micra – rappresenta un ritorno ravvicinato nel capoluogo lucano dopo la tappa referendaria in cui ha esposto le ragioni del No. 

Durante l'iniziativa, promossa dalla Fondazione Basilicata Futuro, saranno proiettate immagini e foto che ritraggono Luongo in diversi momenti di vita. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?