Salta al contenuto principale

Crescono i no vax, ecco i Comuni lucani dove sottoscrivere la proposta di legge d'iniziativa popolare sulla sospensione dell’obbligo vaccinale

Basilicata
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 2 secondi

POTENZA – Il Comitato spontaneo di genitori lucani per la libertà di scelta e di informazione sui vaccini “Libertà è partecipazione” e GeCo “Genitori Consapevoli Basilicata” informano i cittadini lucani che anche in Basilicata è possibile sottoscrivere la proposta di legge di iniziativa popolare denominata “Sospensione dell’obbligo vaccinale per l’età evolutiva”, recandosi entro il 2 agosto presso gli uffici elettorali comunali muniti di valido documento di identità. 

Sottoscrivendo il testo della proposta di legge, suddiviso in 4 articoli e consultabile sul sito ionondimentico.it, si ribadisce la volontà di abrogare totalmente ogni obbligo e coercizione in tema di prevenzione vaccinale, implementando invece un regime di raccomandazione attiva, supportato da corrette campagne informative che inducano le famiglie a compiere per i propri figli scelte consapevoli e di responsabilità. 

Sottoscritta e promossa da 67 realtà italiane, tra gruppi, associazioni, movimenti e comitati, la proposta di legge di iniziativa popolare “Sospensione dell’obbligo vaccinale per l’età evolutiva” propone l’estensione del modello vaccinale Veneto, introdotto dalla legge regionale n. 7 del 23 marzo 2007, a tutto il territorio nazionale: un modello implementato e sperimentato in oltre 10 anni, che affianca all’offerta attiva e gratuita dei vaccini la verifica, il controllo e il monitoraggio di tutti i possibili eventi avversi. 

Dall’entrata in vigore della legge regionale infatti, in Veneto sono state mantenute coperture vaccinali del tutto in linea con la media nazionale e si è potuto attuare un sistema di farmacovigilanza attiva che ha dato risultati importanti, ribaditi dagli stessi organi di controllo a livello nazionale: l’ultimo «Rapporto sulla sorveglianza post-marketing» redatto dall’Aifa (l’Agenzia italiana del farmaco) per il biennio 2014/2015, riporta infatti che ben il 55% di segnalazioni di eventi avversi proviene dal Veneto. 

«Crediamo fermamente che la proposta di legge possa trovare il plauso di tutti i genitori, compresi quanti scelgono coscientemente di vaccinare i propri figli: essa infatti vuole valorizzare l’importanza di una scelta informata, consapevole e responsabile da parte delle famiglie, in un’ottica di alleanza terapeutica medico/paziente e di personalizzazione della profilassi vaccinale», spiegano i promotori dell'iniziativa. 

Questo l’elenco dei comuni dove è sicuramente possibile firmare la proposta di legge fino al prossimo giovedì 2 agosto 2018, recandosi negli uffici elettorali (o anagrafe, in alcuni municipi) muniti di valido documento di identità: Potenza, Melfi, Lavello, Rionero in Vulture, Lauria, Avigliano, Senise, Pignola, Picerno, Brienza, Oppido Lucano, Ruoti, Calvello, Castelluccio Inferiore, Muro Lucano, Matera, Pisticci, Policoro, Montescaglioso, Ferrandina, Scanzano Jonico, Montalbano Jonico, Nova Siri, Miglionico, Tricarico. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?