Salta al contenuto principale

Provinciali Basilicata, ecco chi sono i candidati alla presidenza

Basilicata
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
La Prefettura di Potenza
Tempo di lettura: 
3 minuti 50 secondi

POTENZA – Un solo candidato per la Presidenza della Provincia di Potenza e tre per quella di Matera: l’ufficialità è arrivata oggi al termine delle riunioni degli Uffici elettorali delle Province. Le elezioni si terranno il prossimo 31 ottobre.

In un comunicato diffuso dall’Upi (Unione province italiane) della Basilicata è evidenziato che «per la Provincia di Potenza è stata ammessa l’unica lista presentata con la candidatura alla carica di presidente di Rocco Guarino, sindaco di Albano di Lucania» e che «per quella di Matera le liste ammesse sono state tre: candidati alla carica di presidente sono Francesco De Giacomo, uscente, sindaco di Grottole, Piero Marrese, sindaco di Montalbano Jonico, e Vincenzo Zito, sindaco di Montescaglioso».

GUARINO: IL CENTROSINISTRA RIPARTE DAL "CIVISMO"
Il candidato unico alla Presidenza della Provincia di Potenza, Rocco Guarino, commenta che “all'indomani della mia candidatura, l'unica, a Presidente della Provincia di Potenza, sento il dovere di ringraziare tutti quelli che l'hanno promossa e sostenuta. È per me motivo di grande soddisfazione anche perché in un momento così difficile ritrovare tutte le forze politiche tradizionali del centrosinistra maggiori e minori, insieme a quelle forze, e sono tante, che si riconoscono attraverso i Consiglieri Comunali in quel "civismo lucano " intorno al mio nome va oltre il significato in se. Senso di responsabilità del Pd, disponibilità dei singoli ma soprattutto ripresa del dialogo fra le tante forze politiche sono il chiaro segnale che dopo tanti momenti di incomprensioni e di silenzi è stato tracciato un nuovo percorso a cui dare continuità già da domani. Ancora una volta grazie alle forze politiche di centro sinistra e ai tanti Sindaci, Consiglieri Comunali, Provinciali e Regionali che hanno voluto ritrovarsi e proporre il mio nome e grazie a chi come Mollica, mi ha trasferito quell'entusiasmo e l'energia per affrontare questa nuova sfida. Il mio lavoro sarà a disposizione dell’unità e della coesione del centrosinistra regionale tutto , in ossequio del mandato conferitomi. Spero di saper rappresentare le istanze di tutti i Comuni e i cittadini di questa Provincia ed in tal senso spenderò tutte le mie energie, oggi ancor di più dopo l'unicità della candidatura".

ROMANIELLO: GRAZIE AL PD LA DEMOCRAZIA VA IN SOFFITTA
«Quanto accaduto in quest’ultime settimane sulle candidature per il presidente della Provincia di Potenza conferma in modo inequivocabile che la modifica della legge sulla elezione fatta dal Governo a trazione Pd ha rappresentato uno scippo ai cittadini. Con la ingannevole promessa raccontata da Renzi di voler ridurre gli enti (abolizione delle Province) si è solo tolto ai cittadini il diritto di voto per scegliere i propri rappresentanti, mettendo nelle mani del ceto politico la elezione del presidente di un ente a cui si sono tagliate le risorse, lasciandogli però compiti su materie importanti quali edilizia scolastica, ambiente e viabilità. La democrazia è andata in soffitta grazie al Pd”.

E’ quanto dichiara il consigliere regionale del gruppo misto Giannino Romaniello.
“Alla Provincia di Potenza poi siamo al ridicolo. Infatti – aggiunge l’esponente di Articolo Uno Mdp -, non vi sarà competizione essendoci un solo candidato che a questo punto è già presidente non essendo previsto nemmeno un minimo di quorum dei partecipanti. Sul versante della gestione politica poi, non ne parliamo. Le forze che si richiamano al centro - centro sinistra che sostengono la giunta regionale hanno aggiunto del loro e perso una occasione per provare a determinare le condizioni al fini di realizzare un cambiamento nella pratica politica e sui contenuti programmatici al fine di coinvolgere tutti coloro che sono interessati a verificare l’esistenza di una volontà politica capace di tener conto della richiesta di cambiamento da parte dei cittadini emersa il 4 di marzo”.

“Da parte del Pd – aggiunge ancora Romaniello - si è voluto tenere fuori ‘Liberi e uguali’ salvo poi, in modo poco elegante e con un pizzico di furbizia che nulla ha a che vedere con la politica, quella con la P maiuscola, chiederle di condividere una candidatura già decisa su altri tavoli. Fermo restando che non intendiamo esprimere giudizi sulle persone, questo lo lasciamo ad altri anche perché è una pratica che non ci è mai appartenuta. Noi stiamo alla politica. Ancora una volta da parte del Pd registriamo un atteggiamento di chiusura a sinistra in linea con quanto fatto in questi cinque anni i cui risultati sono sotto gli occhi di tutti i lucani. Si prosegue – conclude Romaniello - in una pratica politica di ostacolo per la costruzione di un campo largo per un’alleanza democratica, civica e progressista capace di assumere il tema della discontinuità e del cambiamento profondo di metodo, programmi e persone per difendere gli interessi dei lucani che sono prioritari rispetto al futuro dei singoli”.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?