Salta al contenuto principale

REGIONALI 2019 | Il giallo della tessera Msi di Trerotola (che commenta: «Mai richiesta»)

Basilicata
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
La tessera del Movimento sociale-Destra nazionale di Carlo Trerotola, risalente al 1978 (foto da secoloditalia.it)
Tempo di lettura: 
2 minuti 25 secondi

POTENZA - Carlo Trerotola, candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione Basilicata, nel 1978 era iscritto al Msi-Destra Nazionale con tessera numero 195372, con tanto di firma dell’allora segretario, Giorgio Almirante (1914-1988). La foto della tessera è stata pubblicata dal secoloditalia.it, ma Trerotola ha replicato «con fermezza e in piena sincerità» dicendo di non aver «mai richiesto nessuna tessera a nessun partito».

Il candidato del centrosinistra in Basilicata ha aggiunto che, «se fosse vera la foto che circola sul web», potrebbe trattarsi dell’«opera di qualche segretario un po' furbetto che, come avviene a volte sia a destra che a sinistra, faceva tessere di partito a persone inconsapevoli». 

Nel sottolineare che, «se la tessera fosse mia, dovrei averla io», Trerotola ha aggiunto che «se questa tessera esiste vi pregherei di restituirmela perché è un reperto storico, anche di qualche valore. E, al vostro posto - ha concluso - mi preoccuperei di più dei voltagabbana che dal centrosinistra sono candidati nelle vostre file fasciste». Più tardi, sempre dalla sua pagina facebook, ha spiegato

Anche se so che basta la mia parola e la fiducia che c’è tra noi, voglio proprio raccontarvi del tranello di bassa lega che ha provato a tendermi il centrodestra, con mezzucci inqualificabili.
Ebbene, la Fondazione Ugo Spirito e Renzo De Felice, detentrice del fondo MSI - Destra Nazionale, contattata oggi per smontare la bufala costruita male, mi ha inviato una tessera del 1978.
Questa, come altre reperite online, riportano sempre l'anno di nascita del titolare, cosa che, in quella che dicono essere a mio nome, non è presente.
Ora le cose sono due: o parliamo di un omonimo nato in chissà quale decennio del 1900 e pertanto palesemente non me, o nell'arte del taglia e cuci digitale si sono affidati a “professionisti” non attenti.
Ecco, forse non sono riusciti neanche a reperire la mia data di nascita. Peccato, sul mio sito www.carlotrerotola.it, ho inserito sia il CV che il Casellario GiudizialePerché io rispetto le regole sempre, anche quelle etiche!
Altri credo un po’ meno.

Nel commento alla foto, «Il cavaliere nero» - pseudonimo del direttore, Francesco Storace - sul sito della testata romana scrive che Trerotola «ha mentito e tanto. Domenica prossima si vota - ha aggiunto più avanti - e gli elettori di sinistra dovranno votare non solo per un fan almirantiano ma soprattutto per un mentitore. Trerotola non c'era, e se c'era dormiva - ironizza l'ex ministro della Sanità - Delira per la poltrona». E a riprova pubblica anche un foto in piazza Prefettura a Potenza con il farmacista in prima fila ad assistere a un comizio dello stesso Almirante (c'è da dire che Trerotola non ha fatto mistero di avere avuto l'ex repubblichino tra i riferimenti politici di gioventù).

Il commento di Storace, infine, critica duramente l’ex governatore lucano, Marcello Pittella (Pd), che «ha rifilato un trasformista alla compagnia che domenica prossima dovrà finalmente traslocare dagli uffici della Regione Basilicata».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?