X
<
>

L’incontro dei calciatori con gli studenti di Barile

Tempo di lettura 1 minuto

BARILE (POTENZA) – Lo sport sano contro ogni forma di violenza. Lunedì mattina all’Auditorium Pier Paolo Pasolini si è tenuto un importante incontro tra alcuni giocatori del Melfi, del Rionero e Asd Barile alla presenza degli alunni dell’Istituto Comprensivo di Barile. L’incontro, voluto dal sindaco di Barile, Antonio Murano è stato ben gradito alla preside dell’Istituto Comprensivo di Barile, Tania Lacriola che ha coinvolto la scuola con una rappresentanza di alunni di prima, seconda e terza media.

Tema dell’iniziativa, in concomitanza con la commemorazione della Shoah è stato il messaggio di non violenza e speranza visti i recenti episodi accaduti in campo calcistico. Come si ricorderà domenica 19 gennaio è morto Fabio Tucciariello, tifoso della Vultur che, stando a quanto accertato dagli investigatori è stato investito da un supporter del Melfi. Un episodio che ha portato in carcere 26 persone e che ha destato scalpore nelle comunità del Vulture-Melfese. Il dirigente della società calcistica Rapolla Michele Stante ha commosso per una frase «abbiano tutti la stessa tuta oggi, siamo di squadre diverse ma sotto c’è un solo cuore».

I giocatori delle due squadre vulturine, Alberto Richter di Rionero, Antonello Volonnino e Michele Vigorito dell’Asd Barile calcio di prima categoria, Giuseppe Sciasciamacchia e Nicholas Mossucca del Melfi calcio, hanno condannato in modo perentorio e deciso gli episodi di violenza e bullismo che sono lontani dal calcio vero e proprio, fatto di tifo sano e spontaneo. Gli alunni hanno fatto domande ai giocatori. Erano attenti e hanno condiviso i propositi dei giocatori.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares