X
<
>

Uno sbarco di migranti in Calabria

Tempo di lettura 2 Minuti

La soddisfazione di Pietro Simonetti, Coordinamento Politiche migranti e rifugiati della Regione Basilicata

POTENZA – “Il primo progetto per l’accoglienza dei lavoratori migranti stagionali, nell’ambito delle intese nazionali e regionali, è stato predisposto dalla Regione Basilicata. Si tratta – dichiara Pietro Simonetti, Coordinamento Politiche migranti e rifugiati della Regione Basilicata – di 500 posti in strutture fisse con tutti i servizi, compresi quelli relativi all’assistenza sanitaria, al reclutamento con liste di prenotazione, formazione ed attività culturali. 

BASILICATA LABORATORIO DI SOSTENIBILITA’

Nei centri di Palazzo San Gervasio (quattrocento posti) e dell’area metapontina (100 posti) saranno attivati anche gli interventi di trasporto a cura degli enti bilaterali delle parti sociali. L’intervento, che innova le misure per l’accoglienza e la lotta al caporalato, è stato validato e approvato nell’ultima riunione del tavolo di coordinamento tenuto presso la Prefettura di Potenza, che coordina le attività, con la partecipazione di tutte le parti istituzionali, sociali, firmatarie dei protocolli anticaporalato, e le forze dell’ordine. Ora tocca ai Ministeri compententi, a partire da quello dell’Interno, procedere alla valutazione ed al cofinanziamento con le risorse del fondo Pon Legalità. Il progetto – evidenzia Simonetti – nasce dalla fase sperimentale degli interventi realizzati nell’ultimo triennio nell’area del Bradano dove sono stati ospitati nei centri Cri circa 1200 lavoratori mentre sono stati assunti, tramite i centri per l’impiego, oltre 2300 migranti. Nello scorso anno è stata coinvolta anche l’area metapontina dove sono stati assunti circa 14 mila lavoratori migranti dei quali metà extracomunitari. Intensa è stata l’iniziativa di controllo effettuata, nelle due aree, dall’Ispettorato del lavoro e dalle forze dell’ordine con oltre quattrocento aziende ispezionate. 

Nelle prossime settimane – spiega Simonetti – saranno definite le ulteriori intese con le parti sociali in attuazione dei protocolli e le attività di coordinamento con le Regioni Puglia e Calabria. 

Gli obiettivi ad oggi centrati sono il risultato della pratica della elaborazione partecipata delle parti sociali e istituzionali, dell’impegno delle Prefetture di Potenza e Matera e delle forze dell’ordine. 

L’attuazione della nuova legge sul caporalato, le verifiche in corso nell’area del Bradano sulla congruità dei periodi assicurativi indicati dalle imprese e l’applicazione dei contratti di lavoro, nonchè le violazioni in materia di lavoro nero, – conclude Simonetti – costituiscono una ulteriore fase del lavoro messo a punto dagli organismi della Regione Basilicata”. 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares