X
<
>

Il manifesto funebre della donna morta (foto dalla pagina fb dell'istituto comprensivo "Michetti" di Francavilla al Mare (Chieti))

Tempo di lettura 2 Minuti

POTENZA – Si chiamava Gelsomina Bilotti ma per tutti era Mina: storica e amatissima insegnante dell’istituto comprensivo “F. P. Michetti” di Francavilla al Mare (Chieti), era originaria di Potenza ma da anni viveva in Abruzzo. Ieri l’ultimo saluto in forma strettamente privata, come da restrizioni, alla donna di 68 anni che si è spenta nei giorni scorsi all’ospedale SS. Annunziata di Chieti dove era ricoverata da un paio di settimane dopo aver accusato i primi sintomi del virus all’inizio di marzo.

Le sue condizioni erano peggiorate ma la sua positività è stata accertata soltanto dopo il decesso. Secondo quanto riferito dalla famiglia e riportato da alcune testate locali, il primo tampone effettuato a marzo era andato smarrito, il risultato del secondo è arrivato dieci giorni dopo, il giorno in cui la paziente è morta.

Mina Bilotti

Gelsomina Bilotti – che lascia il marito Raffaele Iuliani, la figlia Serena, il genero e la nipotina – aveva insegnato lettere per vent’anni nell’istituto di Francavilla al Mare. La scuola ha voluto esprimere il proprio cordoglio con un messaggio postato sulla pagina fb: “Il nostro istituto saluta la prof.ssa Mina Bilotti con affetto e riconoscenza. Ci sentiamo vicini alla famiglia in questo doloroso momento, le più care e sentite condoglianze”.

“Ci stringiamo con il cuore ai familiari di questa donna che ha perso la vita a causa del covid 19, ci dispiace molto. Mando un abbraccio alla figlia e al marito” ha commentato il sindaco di Francavilla al Mare, Antonio Luciani.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA