X
<
>

I modelli Fiat prodotti nello stabilimento Fca di San Nicola a Melfi (Potenza)

Tempo di lettura 2 Minuti

La sospensione delle attività va ad aggiungersi alla «Cigo» già in programma dal 26 settembre al 7 ottobre. Preoccupazione dell’Ugl: «Indispensabile un incontro con l’azienda»

POTENZA – «La direzione aziendale FCA ha comunicato ai sindacati che gli addetti alla produzione della linea Punto incroceranno le braccia in una nuova sospensione delle attività nello stabilimento di Melfi sulla linea Punto dal 24 ottobre al 4 novembre che va ad aggiungersi a quella già in programma che parte da oggi, 26 settembre al 7 ottobre, con il conseguente ricorso alla Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria». Lo fanno sapere il segretario regionale dell’Ugl Basilicata Metalmeccanici, Costanzo Florence e il segretario provinciale della Federazione di Potenza, Giuseppe Palumbo, per i quali «è un’ennesima decisione che sarebbe scaturita da una temporanea situazione di mercato, che riguarda proprio lo storico modello della Punto».

L’ALLARME DI LANDINI (FIOM) ALLA FESTA CGIL: RIPENSARE MELFI PER IL DOPO-PUNTO

I sindacalisti definiscono «indispensabile un confronto con l’Azienda» ribadendo che «il nuovo ciclo di Cigo conferma le nostre perplessità sulle voci infondate che erano già circolate nei giorni scorsi sulla possibile riduzione produzione dell’autovettura Punto. Se pur la notizia si legge in termini meramente legati a motivi congiunturali, certamente sta pesando l’andamento al ribasso degli ordini registrato in questo periodo e che l’Ugl aveva già annunciato nel vedere gli ordinativi delle concessionarie precipitosamente in discesa. Il nostro ruolo oggi è quello di consentire agli oltre 1000 dipendenti interessati, di avere sicurezza sul loro futuro. Stabilire per il sito di Melfi un nuovo modello di vettura da affiancare alla Jeep in attesa dell’uscita definitiva dal mercato della Punto, e particolarmente urgente, importante e decisivo, dovrà prioritario essere il ruolo sindacale per assicurare che, sia nell´ambito delle relazioni industriali con la Fca, sia in quello dei rapporti con la Regione Basilicata, si instaurino da subito premesse operative mediante proposte concrete, pragmatiche e socialmente responsabili per la tutela e salvaguardia occupazionale di tutto il sistema dell’automotive Lucano. Ai lavoratori – concludono i segretari Ugl – va assicurata una prospettiva occupazionale certa». 

FOCUS > EXPORT, SE GRAZIE A FCA IL SUD BATTE IL NORD

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA