Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto

POTENZA – Il Csm «sta lavorando, anche sulla base dei provvedimenti legislativi approvati, per i 600 magistrati che dovranno essere distribuiti fra la Corte di Cassazione, una settantina circa, e gli altri fra i vari giudici di merito: anche il distretto di Potenza ne trarrà vantaggio». Lo ha detto, stamani a Potenza, il vicepresidente del Csm, David Ermini, avvicinato dai giornalisti durante una visita nel Palazzo di Giustizia.

«A Matera – ha proseguito Ermini – ho trovato un clima molto buono, un bel gruppo di magistrati e il lavoro che funziona: bisogna mantenere questo livello di qualità».

Ai cronisti che gli chiedevano un commento sulle inchieste di mafia nel Metapontino, Ermini ha quindi risposto che «la vicinanza con la Calabria, la Campania e la Puglia porta delle problematiche che vanno affrontate in modo molto serio».

Sulle presunte incompatibilità di alcuni giudici lucani, segnalate dai Radicali, Ermini ha infine spiegato di «non volere fare dichiarazioni su questi aspetti, perché ci sono gli organi del Consiglio che devono valutare».