X
<
>

La locandina

Tempo di lettura 4 Minuti

LA BELLEZZA del cinema, il fascino delle storie, la potenza della musica, la forza dell’incontro, del dialogo e dello scambio reciproco: parte da qui il viaggio di “Sedici Modi di Dire Ciao”, il progetto selezionato dall’impresa sociale “Con i Bambini” nell’ambito del “Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile” e interamente partecipato da Fondazione con il Sud.

L’iniziativa, ideata e realizzata dall’Ente Autonomo Giffoni Experience, è partita lo scorso 1 febbraio e, per quattro anni, coinvolgerà migliaia di giovani, dagli 11 ai 17 anni, di Campania (Eboli e Giffoni Valle Piana), Calabria (Cittanova), Basilicata (Terranova di Pollino), Sardegna (Nuoro) e Veneto (San Donà di Piave). Un percorso che ora è pronto a tramutarsi da virtuale a reale: dopo mesi di digital coaching i ragazzi si incontreranno, dal 21 al 25 giugno a Terranova di Pollino (Basilicata), per il primo Campus – Andata e Ritorno.

L’evento vedrà la presenza di oltre 50 adolescenti, accompagnati da due tutor per ogni regione. Conoscersi, raccontarsi, scoprire le città e il vissuto dei loro coetanei sono componenti fondamentali dell’iniziativa, che vuole dare vita a un’esperienza di confronto tra storie e punti di vista diversi: una narrazione che diventa anche laboratorio di linguaggio cinematografico e si concretizza nella produzione di un documentario.

E qui si inserisce la musica con la sua straordinaria potenza: la Pino Daniele Trust onlus si occuperà di realizzare 5 mini-studi di registrazione in cui 12 giovani musicisti del Conservatorio di Milano (sotto i 30 anni), affiancheranno i giovani partecipanti al campus, supervisionando i mini doc, supportandoli nella realizzazione e incidendo la colonna sonora che accompagnerà il lavoro audiovisivo.

L’analisi dei testi, la scelta della musica, le tecniche vocali, la nascita e lo sviluppo di un brano, oltre all’esperienza di un vero e proprio studio di registrazione fanno parte del patrimonio di conoscenze messe a disposizione dei ragazzi. Non saranno solo le note a fare da protagoniste, in parallelo prenderà il via Lovers are crazy: un particolare format di auto-narrazione che prevede di raccogliere, in modo originale, le biografie di tutti i partecipanti.

In parte album fotografico, in parte collana di storie d’amore nella sua accezione più alta, racconterà i giovani in forma divertente e modulare di Top 10 List (le 10 cose più amate). E ancora, una collezione di interviste ed esperimenti di autobiografia video. I ragazzi a loro volta, in tutta autonomia, registreranno le Top Ten dei loro amici e familiari, allargando così il racconto collettivo in modo esponenziale.

Tutto il materiale raccolto andrà online in un portale che diventerà una finestra su uno storytelling vivo, collettivo, costantemente aggiornato, composto dai desideri, dalle passioni e dalle aspirazioni di tantissimi adolescenti. Considerando che il progetto si svilupperà in un quadriennio, il portale offrirà anche una timeline emozionante in cui sarà possibile vedere come, nel corso degli anni e delle esperienze, il vocabolario emotivo e il punto di vista degli adolescenti sul mondo cambierà.

E la narrazione diventerà anche scrittura: nelle pagine del Giffoni Daily, il giornale online che dal 22 al 25 giugno racconterà il campus, i ragazzi collaboreranno a un vero e proprio progetto giornalistico, sperimentando l’esperienza del reportage dalla stesura all’impaginazione. Non mancheranno anche attività dedicate a docenti e dirigenti scolastici, Digital Prof, permetterà di comprendere come costruire al meglio lezioni multimediali interattive, utilizzando anche strumenti familiari ai ragazzi come gli smartphone. Spazio anche ai genitori e alla comunità educante: Parental Experience darà l’opportunità agli adulti di seguire le attività dei più piccoli e di entrare in contatto con loro su terreni, quali quelli educativi e formativi, su cui spesso si registrano momenti di conflitto grazie anche alla partecipazione di psicologi e mediatori.

Appuntamento, poi, al 24 giugno con il Giffoni Day: da nord a sud del Paese sarà celebrata la storia di Giffoni, i valori che nel corso del tempo hanno consolidato la sua community, le radici profonde che sono parte integrante della sua complessa geometria, capace di guardare al mondo senza confini, ma al tempo stesso senza mai dimenticare le sue origini. Da Terranova a San Donà di Piave (Veneto), passando per Cittanova (Calabria), Tonara (Sardegna), Palermo (Sicilia), Montescaglioso (Basilicata), Ferrara (Emilia Romagna), Castellana Grotte (Puglia), Benevento (Campania) e Tropea (Calabria) si creerà un unico spazio di confronto e riflessione.

A partire dalle 10, in ogni città una delegazione di Giffoni incontrerà ragazze e ragazzi, insieme ad associazioni culturali e ai referenti degli hub. Alle 12 i sindaci riceveranno una rappresentanza dei giovani e della squadra di Giffoni e sarà loro consegnato un premio quale ringraziamento per l’opera svolta nella promozione del festival. A Terranova di Pollino saranno presenti: Vito Bardi, Presidente della Regione Basilicata; il primo cittadino, Vincenzo Golia; l’Assessore alle Attività Produttive Formazione e Sport della Regione Basilicata, Francesco Cupparo; il Garante per l’Infanzia della Regione Basilicata, Vincenzo Giugliano e il direttore dell’APT Basilicata, Antonio Nicoletti. Alle 16 tutti gli hub coinvolti si collegheranno con Giffoni per raccontare l’evento: in questa occasione sarà consegnato ai direttori degli hub un riconoscimento di #Giffoni50Plus per il lavoro portato avanti sul territorio.

Al termine sarà proiettato il docufilm “This is Giffoni”, che racconta, attraverso un’emozionante collage di frammenti, 51 anni di storia visti con gli occhi dei suoi protagonisti. Il secondo campus di Sedici Modi di Dire Ciao è già in programma dal 21 al 31 luglio, durante #Giffoni50Plus, la cinquantunesima edizione del festival. “Il progetto è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minori le. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori.

Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD. www.conibambini.org”.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA