Il maestro Pasquale Menchise

Tempo di lettura 2 Minuti

Ad Amburgo il 25 ottobre, a Berlino il 26 e a Colonia il 28

POTENZA – Un’esibizione dopo l’altra, nei teatri più importanti di Germania e Francia: dopo i tre spettacoli al Théâtre du Châtelet di Parigi, lo scorso fine settimana (e prima ancora l‘esibizione a Vienna), è la volta di Amburgo il 25 ottobre, Berlino il 26, Colonia il 28. Per proseguire il mese di novembre nuovamente in Francia e finire l’anno con un’eccezionale data ad Istanbul. E’ partito con rinnovato successo il tour invernale 2016 di “Belcanto” la cui direzione musicale e le cui orchestrazioni sono firmate dal lucano Maestro Pasquale Menchise, compositore e direttore d’orchestra e coro che ha diretto in tutto il mondo. 

«Dopo la prima mondiale del 2013 al New York City Center di Broadway – spiega il Maestro Menchise – ‘Belcanto’ è stato portato in mezza Europa, negli Stati Uniti, in Giappone e in Corea. Uno straordinario apprezzamento puntualmente riconfermato, testimonianza del grande amore che all’estero hanno nei confronti dell’Italia, della nostra arte, della nostra cultura. Lo spettacolo di teatro-musicale che ho l’onore di dirigere rende omaggio all’Italia attraverso i brani più noti della tradizione operistica italiana ed internazionale: da ‘Habanera’ (Carmen) a ‘Nessun dorma’ (Turandot) passando per ‘Un bel dì vedremo’ (Madame Butterfly) fino a ‘Bohemian Rhapsody’ (Queen), melodie riportate a nuova vita anche grazie ad arrangiamenti contemporanei, ma fortemente rispettosi delle orchestrazioni originali. Nella prestigiosa sala concerti Laeiszhalle di Amburgo, e poi anche a Colonia, ‘Belcanto’ sarà di scena con una particolarità: in effetti – sottolinea il maestro Pasquale Menchise – qui eseguiremo il concerto senza l’ausilio dei ballerini. Non sarà dunque un concerto-teatrale, come di consueto, ma un concerto con regia, fatto da orchestra e cantanti, mentre a Berlino riprenderemo il classico concerto-teatrale. Insomma – conclude Menchise – è uno spettacolo che si adatta anche ai luoghi dell’esecuzione».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •