X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

POTENZA – Mano pesante sul Picerno, che viene retrocesso all’ultimo posto del campionato di Lega pro e torna, quindi tra i dilettanti. E’ la sentenza di primo grado sulla presunta combine della gara con il Bitonto del 5 maggio del 2019. Gara che consentì con la vittoria dei lucani l’accesso tra i professionisti.

Il Tribunale Nazionale Federale ha così sentenziato:

  • per il sig. Anaclerio Michele, anni 2 (due) di squalifica;
  • per il sig. De Santis Vincenzo, anni 4 (quattro) di inibizione, oltre all’ammenda di € 50.000
  • per il sig. De Santis Nicola, anni4 (quattro) di inibizione;
  • per il sig. Picci Antonio Gìulio, anni 1 (uno) e mesi 8 (otto) di squalifica;
  • per il sig. Fiorentino Daniele, anni 1 (uno) di squalifica;
  • per il sig. Montrone Giovanni, anni 1 (uno) e mesi 8 (otto) di squalifica;
  • per il sig. Turitto Onofrio, anni 1 (uno) di squalifica;
  • per il sig. Patierno Francesco Cosimo, anni 1 (uno) e mesi 8 (otto) di squalifica;
  • per il sig. Mitro Vincenzo, anni4 (quattro) di inibizione;
  • per la società AZ Picerno Srl, retrocessione all’ultimo posto in classifica del campionato di Lega Pro per la stagione sportiva 2019/2020;
  • per la società USD Bitonto, penalizzazione di punti 5 (cinque) in classifica, da scontarsi nel corso della stagione sportiva 2019/2020.
  • Proscioglie da ogni incolpazione i sig.ri Rossiello Francesco, D’Aucelli Paolo e la società Potenza Calcio Srl.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares