Salta al contenuto principale

Brindisi di Montagna ritrova il suo castello, dopo tanti anni (e un investimento di 1,5 milioni)

Basilicata
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Il castello di Brindisi di Montagna
Tempo di lettura: 
1 minuto 2 secondi

BRINDISI DI MONTAGNA (PZ) – Al termine dei lavori di restauro, per un investimento complessivo di circa 1,5 milioni di euro, che hanno riguardato il corpo centrale, la torretta e le aree limitrofe, a Brindisi di Montagna (Potenza) riaprirà sabato prossimo, 13 ottobre, il castello Fittipaldi-Antinori: lo ha annunciato il sindaco, Nicola Allegretti.

«Il nostro augurio - ha detto Allegretti - è che dopo tanti anni, nel corso dei quali è rimasto chiuso, questo castello torni ad essere il fulcro della vita della nostra comunità». Il castello, «l'edificio più antico di Brindisi Montagna, inizialmente doveva costituire più che una struttura militare un presidio del territorio per funzioni civili, sociali ed economico-produttive; secondo alcune ipotesi non documentate il suo insediamento è riconducibile alla presenza dei longobardi in Italia Meridionale o all’epoca delle incursioni arabe saracene (IX sec. d.C.) o dell’Impero Carolingio».

La cerimonia di inaugurazione si terrà alla ore 10, nella sala del Maniero intitolata a Guidone de Foresta, «con la partecipazione degli alunni del locale istituto scolastico. Nel pomeriggio - è scritto nel comunicato - nella sala Antinori del Castello è previsto un dibattito dal titolo "Incontro con il Marchese Antinori" che sarà moderato dalla giornalista Giovanna Laguardia. A conclusione della cerimonia inaugurale vi sarà la proiezione del documentario "Suddi(S)ti" di Rocco Messina».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?