Salta al contenuto principale

Roma e la Rai celebrano il grande statista lucano Francesco Saverio Nitti

Basilicata
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Francesco Saverio Nitti (Melfi 1868–Roma 1953)
Tempo di lettura: 
1 minuto 19 secondi

ROMA - Sarà presentato giovedì  15 novembre  alle 17 nella Sala polifunzionale della presidenza del Consiglio dei ministri, il programma e l’anteprima del docufilm di RaiStoria, "Francesco Saverio Nitti - L’ottimismo dell’agire" (GUARDA IN ANTEPRIMA UN ESTRATTO). Interverranno il presidente del Comitato per le celebrazioni, Giuliano Amato, il ministro per le Politiche europee Paolo Savona, il presidente e la vice presidente Comitato scientifico della Fondazione Francesco Saverio Nitti, Luigi Mascilli Migliorini e Aurelia Sole, oltre al vice direttore di Rai Cultura e responsabile di Rai Storia Giuseppe Giannotti.
Saranno presenti, inoltre, il Segretario generale della presidenza del Consiglio dei ministri Roberto Chieppa, Flavia Franconi, vice presidente della Regione Basilicata, Gaetano Manfredi, Rettore dell’Università "Federico II" di Napoli e presidente della Crui, Patrizia Nitti, presidente dell’Associazione Francesco Saverio Nitti, Livio Valvano, Sindaco di Melfi, città natale di Nitti, che ricoprì le cariche di presidente del Consiglio e ministro dell’Interno nel periodo giugno 1919-giugno 1920, dopo essere stato in precedenza ministro del Tesoro.
Il governo Nitti fu operativo in un periodo cruciale, dopo il governo guidato da Vittorio Emanuele Orlando e prima dell’ultimo esecutivo retto da Giovanni Giolitti. Il programma dell’evento è in connessione con molte vicende. Prima delle quali la Conferenza di pace di Parigi che si avviò ad inizio 1919, e le dinamiche che quella pace determinò in Europa, ma anche il processo di attacco e poi di crisi della democrazia liberale che aveva caratterizzato l’Italia post-risorgimentale. Il docufilm su Nitti andrà in onda venerdì 16 novembre alle 22.10 su Rai Storia (in replica su Rai Storia sabato 17 alle 10,35 e domenica 18 alle 17.50).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?