Salta al contenuto principale

Se il teatro celebra la donna: a Potenza e Melfi l'"ape regina" Lucrezia Lante della Rovere

Basilicata
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Lucrezia Lante della Rovere in "Io sono Misia"
Tempo di lettura: 
1 minuto 46 secondi

POTENZA – Per celebrare la donna, mercoledì 8 marzo, ore 21, al Teatro Francesco Stabile di Potenza, la stagione teatrale 2016-17 organizzata dal consorzio Teatri Uniti di Basilicata propone l’incredibile storia di una personalità fascinosa in “Io sono Misia l’Ape Regina dei geni”, interpretato da Lucrezia Lante della Rovere.

Lo spettacolo che andrà in scena anche a Melfi, giovedì 9 marzo, ore 21, al Teatro Ruggiero, è liberamente ispirato dalle memorie di Misia Sert, dalle confidenze, ricordi, messaggi, lettere, di Proust, Stravinsky, Diaghilev, Nijinsky, Debussy, Tolouse Lautrec, Picasso, Ravel, Cocteau.

Un monologo che raccoglie e svela le venature più concitate di una vera e propria cercatrice di talenti, amica influente e definitiva dei protagonisti della bella epoque, che al testo e alle parole, accorda le musiche originali nate in casa di Misia; sottofondi e composizioni d’epoca, modellate sui ricordi e la storia, che esplodono nell’eccellente esecuzione di Lucrezia Lante della Rovere, splendida narratrice di donne.

Dopo il successo di “Malamore”, Premio Flaiano, Lucrezia Lante della Rovere continua a dare vita a profili di donne straordinarie che hanno costruito la cultura del ‘900. Con la sensibile regia di Francesco Zecca e un testo inedito del poeta Vittorio Cielo, rivela al pubblico italiano l’incredibile storia e la fascinosa personalità di Misia Sert. Misia Sert, straordinaria mecenate – a lei dobbiamo la scoperta, fra gli altri, di Cocò Chanel -il cui salotto parigino era frequentato da Picasso, Paul Morand, Debussy, fu ritratta da Renoir e da Toulouse Lautrec, ispirò Jean Cocteau per il personaggio della principessa nel romanzo Thomas l’imposteur e fu definita da Proust “un monumento di storia, collocata nell’asse del gusto francese come l’obelisco di Luxor nell’asse degli Champs Elysées”.

Io sono Misia è una produzione Pierfrancesco Pisani, Progetto Goldstein in co - produzione Fondazione Devlata, DoppioSogno .

La Stagione Teatrale 2016-2017 realizzata dal consorzio Teatri Uniti di Basilicata, con il sostegno del Mibact, della Regione Basilicata e dei comuni che la ospitano, aderisce all’iniziativa  dedicata a promuovere la cultura “18app”, a cura del Mibact e della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Per maggiori informazioni e prevendita www.teatriunitidibasilicata.com.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?