Salta al contenuto principale

Oltre le omertà del patriarcato

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 33 secondi

Il Centro contro la violenza alle donne “Roberta Lanzino” di Cosenza condivide l’iniziativa de Il Quotidiano della Calabria e aderisce alla proposta di dedicare la ricorrenza dell’ 8 marzo a Giuseppina, Maria Concetta, Lea e con loro a tutte quelle donne che, anche per un momento, hanno osato opporsi al destino di violenza e sopraffazione che domina nella loro famiglia.
La nostra iniziativa, come ogni anno dedicata alle donne che subiscono violenza, sarà in loro nome.
Per dare forza e risonanza all’iniziativa abbiamo chiesto alla Associazione nazionale dei Centri antiviolenza Di.R.E, a cui aderiamo, di assumere anche a livello nazionale il valore di questa giornata calabrese.
Crediamo nel valore simbolico della memoria come strumento per cambiare la realtà e ci assumiamo il peso di quanto scriviamo perché siamo in prima linea da sempre a contrastare le mafie e le politiche che le sorreggono.
Conosciamo bene il coraggio delle donne che vivono il dramma di dover denunciare la violenza in famiglia, il timore per il destino dei propri figli, le difficoltà di un percorso ancora irto di pregiudizi e resistenze.
Convinte che le scelte di coraggio in nome della libertà siano quelle combattute anche fra le mura domestiche accogliamo e rilanciamo la proposta del Direttore de Il Quotidiano.
A lui e alla sua testata ci rivolgiamo affinché vengano superate le ritualità di questa terra, convinte come siamo che la corretta informazione sia uno dei primi passi da compiere per liberarci dalle mafie.
Alle donne calabresi diciamo che insieme, facendo rete, si rompono i tanti muri di omertà che circondano la nostra vita.
Le donne del Centro:
Roberta Attanasio, Mariuccia Campolo, Daniella Ceci, Marisa Del Campo, Anna Fiertler, Gisella Fiumanò, Cinzia Gullace, Chiara Gravina, Luigia Malvasi, Serenella Nudi, Marina Pasqua, Rosa Pellicori, Anna Petrungaro, Mariairene Pupo, Anna Tangaro. Stefania Tropea, Antonella Veltri, Vincenza Zoccali.
Centro contro la violenza alle donne “Roberta Lanzino”

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?