Salta al contenuto principale

La Bawer Matera non si allena
il palaSassi è troppo freddo

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 38 secondi

LA BAWER Olimpia Matera è stata costretta ad abbandonare un PalaSassi ghiacciato dove è ormai impossibile svolgere una regolare seduta di allenamento. I giocatori nella giornata di ieri non si sono allenati regolarmente, per evitare di incorrere in infortuni. Sono ormai due settimane che, a fronte del repentino abbassamento delle temperature esterne, anche nel PalaSassi la temperatura si è irrigidita, “ma la gestione – spiega la Bawer in una nota –  non vuole saperne di mettere in funzione il riscaldamento, nonostante la società abbia effettuato tutti i passaggi istituzionali per poter risolvere l’incresciosa situazione. Ma sia i gestori dell’impianto che l’Amministrazione comunale, non hanno risolto il problema, rimandandolo”. Le conseguenze: capitan Grappasonni in stato febbrile e influenzale da ormai dieci giorni, costretto a guardare i compagni dalla panchina contro Ferrara e ancora non al meglio. Problemi della stessa natura per Samoggia, a letto da ieri, Rezzano, Vitale, Cozzoli e Cantone, che hanno saltato almeno una seduta di allenamento ciascuno. “Con soli 12 gradi all’interno della struttura (“temperatura che secondo gli accordi non dovrebbe essere inferiore ai 18°”, spiega la nota della Bawer), nella giornata di ieri coach Benedetto ha deciso di non far disputare ai suoi ragazzi la regolare seduta di allenamento, dirottandolo nella palestra del preparatore atletico Erio Albanese, evitando però di fare tattica sul parquet, sul quale non tornerà sino a quando le condizioni interne non cambieranno. Dunque, i dirigenti materani si sono attivati per cercare altra sistemazione per la squadra e hanno segnalato l’accaduto alle Forze dell’Ordine. “E una situazione oramai non più sostenibile – conclude la nota della società biancazzurra –  in un momento in cui chi fa sport, soprattutto a livelli nazionali, dovrebbe essere maggiormente tutelato quantomeno per gli investimenti sostenuti, invece di essere abbandonato ad una guerra intestina tra gestori e Amministrazione”.

 

QdB - redazione web

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?