Salta al contenuto principale

Dallo sport alla politica
Ci prova anche Postiglione

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 26 secondi
LA sorpresa si materializza a poche ore dalla chiusura delle liste, il tam tam lo diffonde la Rete. Con la candidatura di Giuseppe Postiglione alla Camera (capolista di Intesa Popolare, lista di Vittorio Sgarbi collegata al Pdl) nemmeno la Basilicata sfugge a una tendenza sempre più diffusa: il tentativo di saltare dallo sport alla politica. L’ex presidente del Potenza Sport Club, salito alla ribalta nazionale nel 2009 per il coinvolgimento in uno dei filoni del calcioscommesse, prova quindi ad aprirsi una nuova strada dopo aver messo da parte (temporaneamente?) la carriera da dirigente sportivo. Le sue possibilità di arrivare a Montecitorio sono ovviamente scarse. Ma la panoramica di ex atleti, tecnici e dirigenti finiti nelle liste per la Camera e il Senato in tutta Italia è piuttosto ampia ed è riportata nell’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport a pagina 34. Rimanendo ai più noti, l’ex presidente di Coni e Figc Franco Carraro è al quarto posto in Emilia Romagna nella lista Pdl per il Senato. Il presidente della Fin Paolo Barelli, già a Palazzo Madama, è ottavo per il Senato nel Lazio (posizione a rischio). Corre per la riconferma alla Camera (numero 2 del Pdl in Friuli) la pluriolimpionica di sci di fondo Manuela Di Centa, tra le ideatrici dei licei ad Indirizzo sportivo diventati realtà, con l’approvazione in Consiglio dei Ministri, lo scorso 11 gennaio. Sempre in Friuli ma per il Senato concorre Gianni Rivera, con il Centro Democratico di Tabacci. Già in politica a livello locale nella sua Ravenna, la campionessa di canoa Josefa Idem corre per il Pd al Senato, capolista blindatissima in Emilia Romagna. Secondo posto nella lista Sel in Toscana, al Senato, per l’ex tecnico di Bologna e Napoli Renzo Ulivieri, oggi presidente dell’Associazione Italiana Allenatori. Capolista alla Camera per Monti nelle Marche è la fiorettista Valentina Vezzali, portabandiera azzurra alle Olimpiadi di Londra. Sfuma in extremis l’inserimento di Luciano Moggi nelle liste dei Riformisti Italiani di Stefania Craxi. 
twitter @pietroscogna

LA sorpresa si materializza a poche ore dalla chiusura delle liste, il tam tam lo diffonde la Rete. Con la candidatura di Giuseppe Postiglione alla Camera (capolista di Intesa Popolare, lista di Vittorio Sgarbi collegata al Pdl) nemmeno la Basilicata sfugge a una tendenza sempre più diffusa: il tentativo di saltare dallo sport alla politica. L’ex presidente del Potenza Sport Club, salito alla ribalta nazionale nel 2009 per il coinvolgimento in uno dei filoni del calcioscommesse, prova quindi ad aprirsi una nuova strada dopo aver messo da parte (temporaneamente?) la carriera da dirigente sportivo. Le sue possibilità di arrivare a Montecitorio sono ovviamente scarse. Ma la panoramica di ex atleti, tecnici e dirigenti finiti nelle liste per la Camera e il Senato in tutta Italia è piuttosto ampia ed è riportata nell’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport a pagina 34. Rimanendo ai più noti, l’ex presidente di Coni e Figc Franco Carraro è al quarto posto in Emilia Romagna nella lista Pdl per il Senato. Il presidente della Fin Paolo Barelli, già a Palazzo Madama, è ottavo per il Senato nel Lazio (posizione a rischio). Corre per la riconferma alla Camera (numero 2 del Pdl in Friuli) la pluriolimpionica di sci di fondo Manuela Di Centa, tra le ideatrici dei licei ad Indirizzo sportivo diventati realtà, con l’approvazione in Consiglio dei Ministri, lo scorso 11 gennaio. Sempre in Friuli ma per il Senato concorre Gianni Rivera, con il Centro Democratico di Tabacci. Già in politica a livello locale nella sua Ravenna, la campionessa di canoa Josefa Idem corre per il Pd al Senato, capolista blindatissima in Emilia Romagna. Secondo posto nella lista Sel in Toscana, al Senato, per l’ex tecnico di Bologna e Napoli Renzo Ulivieri, oggi presidente dell’Associazione Italiana Allenatori. Capolista alla Camera per Monti nelle Marche è la campionessa di fioretto Valentina Vezzali, portabandiera azzurra alle Olimpiadi di Londra. Sfuma in extremis l’inserimento di Luciano Moggi nelle liste dei Riformisti Italiani di Stefania Craxi.

twitter @pietroscogna

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?