Salta al contenuto principale

La Futsal Potenza a Palestrina
per rilanciare la corsa play-off

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 5 secondi

QUANDO sono passati soltanto quattro giorni dalla sconfitta interna con l’Augusta il Futsal Potenza torna di nuovo in campo, questa volta in trasferta, contro il fanalino di coda Palestrina. Un’occasione importante per Galasso e compagni di riprendere la marcia per i play-off proprio nel giorno in cui il Latina (che ha anticipato la gara valida per la 18esima giornata) ha rimesso il naso davanti ai rossoblù battendo nell’anticipo l’Acireale per 7-1. Una gara sulla carta favorevole ai potentini, considerando anche che i romani sono reduci da ben undici sconfitte consecutive. Nonostante sulla carta i lucani sono favoriti, coach Ceppi vuole anche altre risposte da questo incontro che affronterà senza gli squalificati Santin (capocannoniere della squadra con 18 reti) e Garcia .  “A Palestrina dobbiamo andare senza guardare la classifica dei nostri avversari - commenta alla vigilia il tecnico umbro -   non dobbiamo solo vincere ma soprattutto convincere noi stessi dei mezzi che ci hanno portato ad avere una classifica così bella. Ci sono ancora tante sfide da affrontare con lo stesso entusiasmo che ci ha guidato fin qui”. Dopo la strigliata  susseguente il ko con l’Augusta, Ceppi sprona un gruppo che lui stesso giudica eccezionale: “In questo momento dobbiamo solo convincere noi stessi. E nessun altro. Io vorrei che i ragazzi maturassero l’idea che il miglioramento del singolo giocatore in allenamento porta a un perfezionamento dello stesso e del gioco di squadra. Ciò che si fa durante la settimana ha un valore maggiore degli stessi risultati che non sono altro che una mera conseguenza. Quello che conta è l’ostinazione, la fame di migliorare se stessi che poi porta vantaggi anche al gruppo”. Il coach prosegue: “La classifica al momento dice che siamo noi i padroni del nostro destino e abbiamo la possibilità di fare qualcosa di veramente grande. Abbiamo centrato la Final Eight (con la prima squadra e l’Under 21), la salvezza con cinque giornate di anticipo e adesso siamo quinti. Non dobbiamo sentirci appagati ma dobbiamo continuare la ricerca della nostra felicità. Finora ne è arrivata tanta. Tantissima. Ma abbiamo davvero la possibilità di trasformare una stagione positiva in eccezionale. Ora come ora ci mancano 4-5 punti che abbiamo regalato qua e là ai nostri avversari. Andiamo a riprenderceli. Sia nelle partite apparentemente più semplici, che in quelle più difficili”.

QdB - redazione web

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?