Salta al contenuto principale

Virtus Potenza, buona la prima
Ma la testa è già al Casandrino

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 44 secondi
 «SIAMO stati bravi nei fondamentali e abbiamo commesso pochi errori. La partita d’esordio è sempre complicata da affrontare e i ragazzi sono stati concentrati fin dal primo punto, eseguendo quello che avevamo preparata in settimana». L’indicazione di Vincenzo Nacci ai suoi ragazzi alla vigilia della partita contro Messina era stata una sola: fare le cose semplici. Non c’era altro modo per affrontare un avversario di cui non si conosceva tanto, trattandosi della prima giornata di campionato. Messina non ha mai impensierito la Virtus, ma l’abilità da parte di Muccio e soci è stata quella di non abbassare mai la guardia,  anche quando certe fasi della partita erano propizie per rilassarsi. 
A spingere verso i primi tre punti la rinnovatissima squadra rossoblù anche una cornice di pubblico entusiasmante, che il tecnico pugliese ha voluto sottolineare in un post su Facebook che lascia intendere come sia già sbocciato il feeling tra la piazza potentina e il nuovo titolare della panchina del palaPergola. La Virtus è innegabilmente ancora un cantiere aperto, ma in una partita non irresistibile per il valore dell’avversario sono emersi comunque appunti positivi sul taccuino del tecnico pugliese. Diciassette muri punto in tre set e il 92 percento in ricezione sono i segnali di una fase difensiva curata nel dettaglio. «C'è ancora tanto da lavorare sia dal punto di vista fisico che tecnico - ha proseguito Nacci nella sua analisi - ad esempio dobbiamo migliorare nel cambio palla, ma di tempo ne abbiamo; ci siamo goduti la gioia della vittoria nel fine settimana e adesso siamo proiettati alla trasferta di Cercola, dove affronteremo Casandrino». I partenopei, battuti all’esordio in trasferta dal forte Alessano, rappresenteranno comunque un test probante per Muccio e compagni. Proprio l’arrivo nelle ultime battute di mercato del centrale ex Lamezia ha rinforzato la Virtus sotto rete, ma restano tanti automatismi ancora da collaudare considerando che la squadra al completo Nacci l’ha avuta tra le mani solo a pochi giorni dalla prima gara ufficiale. L’obiettivo più immediato è quello di provare a muovere la classifica anche nella trasferta campana. 
Pietro Scognamiglio
twitter @pietroscogna
«SIAMO stati bravi nei fondamentali e abbiamo commesso pochi errori. La partita d’esordio è sempre complicata da affrontare e i ragazzi sono stati concentrati fin dal primo punto, eseguendo quello che avevamo preparata in settimana». L’indicazione di Vincenzo Nacci ai suoi ragazzi alla vigilia della partita contro Messina era stata una sola: fare le cose semplici. Non c’era altro modo per affrontare un avversario di cui non si conosceva tanto, trattandosi della prima giornata di campionato. Messina non ha mai impensierito la Virtus, ma l’abilità da parte di Muccio e soci è stata quella di non abbassare mai la guardia,  anche quando certe fasi della partita erano propizie per rilassarsi. A spingere verso i primi tre punti la rinnovatissima squadra rossoblù anche una cornice di pubblico entusiasmante, che il tecnico pugliese ha voluto sottolineare in un post su Facebook che lascia intendere come sia già sbocciato il feeling tra la piazza potentina e il nuovo titolare della panchina del palaPergola. La Virtus è innegabilmente ancora un cantiere aperto, ma in una partita non irresistibile per il valore dell’avversario sono emersi comunque appunti positivi sul taccuino del tecnico pugliese. Diciassette muri punto in tre set e il 92 percento in ricezione sono i segnali di una fase difensiva curata nel dettaglio. «C'è ancora tanto da lavorare sia dal punto di vista fisico che tecnico - ha proseguito Nacci nella sua analisi - ad esempio dobbiamo migliorare nel cambio palla, ma di tempo ne abbiamo; ci siamo goduti la gioia della vittoria nel fine settimana e adesso siamo proiettati alla trasferta di Cercola, dove domenica affronteremo Casandrino». I partenopei, battuti all’esordio in trasferta dal forte Alessano, rappresenteranno comunque un test probante per Muccio e compagni. Proprio l’arrivo nelle ultime battute di mercato del centrale ex Lamezia ha rinforzato la Virtus sotto rete, ma restano tanti automatismi ancora da collaudare considerando che la squadra al completo Nacci l’ha avuta tra le mani solo a pochi giorni dalla prima gara ufficiale. L’obiettivo più immediato è quello di provare a muovere la classifica anche nella trasferta campana. 


twitter @pietroscogna

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?