Salta al contenuto principale

Real Metapontino tranquillo
per il caso Caridi

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 20 secondi

 

In merito alle notizie diffuse nella giornata di giovedì sulla non omologazione del risultato Real Metapontino – Gladiator a causa del preannuncio di reclamo sporto dalla società campana, la dirigenza del Real Metapontino precisa che la posizione del proprio tesserato, Caridi Alessandro,  risulta regolare in quanto la squalifica, contestata dalla società campana, è priva di fondamento poiché  il calciatore Caridi Alessandro prima di essere tesserato dal Real Metapontino nella stagione sportiva 2013-2014,  era stato tesserato dalla società calcio Vigor Lamezia, in data 28-08-2013 sempre nella stagione 2013-2014. 
A ragion per cui, il calciatore ha scontato la squalifica inflittagli durante la stagione sportiva 2012 – 2013, oggetto del ricorso,  nelle prime tre giornate di campionato della Lega Pro seconda divisione Girone B, stagione sportiva 2013 – 2014 e precisamente l'1-9- 2013 in  Sorrento – Vigor Lamezia, l'8- 9- 2013 in  Vigor Lamezia – Chieti, il 15 - 9 – 2013 in Foggia – Vigor Lamezia.
Avendo poi rescisso il contratto con la società Vigor Lamezia, in data 17- 9 - 2013 veniva  tesserato dalla società celeste il 3 – 10 – 2013,  privo della squalifica.
Per tanto la società celeste si dice tranquilla sulla vicenda e qualora ce ne fosse bisogno si difenderà nelle sedi opportune

"In merito alle notizie diffuse nella giornata di giovedì sulla non omologazione del risultato Real Metapontino – Gladiator a causa del preannuncio di reclamo sporto dalla società campana, la dirigenza del Real Metapontino precisa che la posizione del proprio tesserato, Caridi Alessandro,  risulta regolare in quanto la squalifica, contestata dalla società campana, è priva di fondamento".

 

Si apre così la nota diffusa nel pomeriggio dal Real Metapontino a commento della non omologazione del risultato della gara di domenica scorsa, vinta dai lucani contro il Gladiator. 

"Il calciatore Caridi Alessandro - prosegue la nota - prima di essere tesserato dal Real Metapontino nella stagione sportiva 2013-2014,  era stato tesserato dalla società calcio Vigor Lamezia, in data 28-08-2013 sempre nella stagione in corso. A ragion per cui, il calciatore ha scontato la squalifica inflittagli durante la stagione sportiva 2012 – 2013, oggetto del ricorso,  nelle prime tre giornate di campionato della Lega Pro seconda divisione Girone B, stagione sportiva 2013-'14 e precisamente il primo settembre 2013 nella gara Sorrento - Vigor Lamezia, l'8 settembre 2013 in  Vigor Lamezia - Chieti e il 15 settembre 2013 in Foggia - Vigor Lamezia. Avendo poi rescisso il contratto con la società Vigor Lamezia, in data 17 settembre 2013, veniva  tesserato dal Real Metapontino il 3 ottobre 2013,  privo della squalifica. Pertanto la società celeste - è la conclusione del comunicato - si dice tranquilla sulla vicenda e, qualora ce ne fosse bisogno, si difenderà nelle sedi opportune". 

Twitter @sport_bas

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?