Salta al contenuto principale

Potenza, prendere Lolaico
per dare un senso al mercato

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 48 secondi

C’E’ un’operazione di mercato che potrebbe offrire al nuovo management che guida il Potenza l’occasione per acquirire immediata credibilità: convincere Peppe Lolaico a indossare i colori rossoblù. Più facile di quel che sembra, in presenza di un progetto serio.

Bisogna trovare argomenti economici e di prospettiva da mettere sul tavolo per un giocatore che in Eccellenza sposterebbe gli equilibri, rappresentando allo stesso tempo un segnale alla piazza. Come a voler dire, facciamo davvero le cose per bene. Qualche contatto con mediatori internazionali per importare giocatori dal Sudamerica non basta. Occhinegro e i suoi soci sono arrivati a Potenza per dare un valore aggiunto alla gestione, fino a questo momento sana, di Antonello Grignetti. E’ il momento di cambiare marcia, a mercato aperto.

Lolaico, liberatosi dal Real Vico, è in questo momento un giocatore assai ambito nei due gironi meridionali della Serie D. Avevamo scritto di un interessamento del Brindisi, ma negli ultimi giorni hanno bussato alla porta del difensore potentino anche Battipagliese e Vibonese, interessate a sfruttarne esperienza e duttilità visto che Lolaico ad oggi può occupare indifferentemente tutti i ruoli in fase difensiva. Il suo profilo sembra rispondere in pieno alle esigenze del Real Metapontino, che sta rinnovando la rosa con innesti di grande qualità (ultimo quello di Francesco Di Gennaro). 

Ma l’ex capitano del Potenza Sc tra i professionisti si allena ancora da solo nella sua città, dove lo trattiene la voglia di costruirsi un futuro senza rinunciare agli affetti più cari. Su tutti, la piccola Emilianna che gli riempie le giornate e sta per festeggiare il primo compleanno. «Non escludo niente - ci ha dichiarato Lolaico appena ha lasciato Vico - ma vorrei restare in Serie D, dove spero di trovare il Potenza l’anno prossimo per far incrociare di nuovo le nostre strade». 

Ma quel «non escludo niente» suggerisce che l’incrocio potrebbe avvenire anche prima. Per il nuovo management, sarebbe un biglietto da visita molto più efficace e convincente del racconto di viaggi in giro per il mondo.

Twitter @pietroscogna

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?