Salta al contenuto principale

Melfi, insidia Castel Rigone
In D il Matera prova la fuga

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 22 secondi

UN bivio fondamentale sulla strada del Melfi. Dopo due vittorie consecutive (contro Aprilia e Teramo) i gialloverdi ricevono all'Arturo Valerio la visita del Castel Rigone e possono far decollare una stagione fino ad oggi altalenante, soprattutto sul campo amico. Bitetto sembra intenzionato a confermare il 4-3-1-2 che ha reso al meglio nelle ultime uscite e ha l'intera rosa a disposizione. Ballottaggio sull'out di destra difensivo tra Annoni e Montenegro. Modulo speculare per il tecnico Luca Fusi, ex centrocampista di Samp, Napoli, Toro e Juventus, che dovrebbe proporre sulla trequarti Agostinelli a supporto di Scappini e Tranchitella. Per quest'ultimo, lucano di Villa d'Agri, si tratta della prima gara da professionista in Basilicata. Guida la classifica cannonieri del girone con 15 reti, nonostante una certa allergia ai calci di rigore. 

In D la trasferta di Vallo della Lucania sul campo del Gelbison è tappa fondamentale per la fuga del Matera, che da quando è tornato in panchina Vincenzo Cosco procede a passo doppio rispetto alle dirette concorrenti (sette successi di fila). Nell'undici iniziale possibile esordio dal primo minuto per l'ultimo arrivato, l'esperto portiere Aprea. Il Francavilla ha un'occasione d'oro per blindare il piazzamento play-off ospitando al "Fittipaldi" la Mariano Keller. Lazic torna in panchina dopo la squalifica e recupera anche l'esterno difensivo Nicolao. Trasferta piena di insidie quella che attende il Real Metapontino, atteso al "Fanuzzi" di Brindisi da una squadra costruita per guardare in alto, ma impantanata a centro classifica. Per la squadra di Raimondo Catalano l'obiettivo è quello di non tornare a mani vuote, sperando di rosicchiare qualche punto alle dirette concorrenti per evitare i play-out. Assente lo squalificato Iennnaco. 

Twitter @pietroscogna

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?