X
<
>

Condividi:

LABORATORIO aperto per Mimmo Giacomarro nel test in famiglia disputato ieri pomeriggio ad Avigliano. Il tecnico siciliano ha mischiato  le carte in vista dell’esordio casalingo contro la Gelbison, in programma domenica sul sintetico di Picerno per la temporanea indisponibilità del Viviani.  
Il 3-5-2 rimane il modulo di riferimento, ma la scelta degli undici verrà inevitabilmente condizionata dalle indicazioni emerse dalla prestazione di Bisceglie e dalle risposte fornite in allenamento durante la settimana. 
Il secondo tempo di domenica scorsa ha suggerito a Giacomarro quello che oggi è probabilmente l’assetto difensivo più solido: Akuku nel suo ruolo naturale di centrale di destra, Sicignano alla guida del reparto e Melis sul centrosinistra. E’ la soluzione provata ieri, con Posillipo e Lolaico schierati nella squadra riserve. Il difensore ex Marcianise nelle ultime due uscite non è apparso tra i più in forma e potrebbe prendere fiato, ma non si tratterebbe certo di una bocciatura. 
In mediana (dove è ancora fuori Marini per squalifica)  Giacomarro ha voluto vedere all’opera i tre senior nel cuore del gioco, con i più giovani dirottati sulle fasce. Cianni, playmaker, è stato affiancato ieri da Viola e Catanese in posizione di mezzali, con Barilarri confermato sulla corsia mancina e la sorpresa Pellegrino (95) a destra. L’ex Primavera del Trapani prenderebbe il posto nell’undici titolare di Remo Basso, garantendo caratteristiche da esterno puro che potrebbero tornare utili in fase offensiva. Un esperimento, in ogni caso, da valutare fino all’immediata vigilia. Giacomarro si fida ciecamente di Basso e lo ritiene preziosissimo per la sua capacità di occupare più ruoli. Prima di privarsene ci penserà due volte. 
In avanti conferma per Palumbo e Bartolini, che con il passare dei giorni diventano protagonisti di un’intesa sempre crescente destinata a lasciare il segno in positivo, anche grazie al pieno recupero dell’attaccante romagnolo dopo gli acciacchi muscolari che l’hanno frenato in precampionato. 

DA OGGI A PICERNO Già da stamattina intanto il quartier generale rossoblù si sposta al Donato Curcio di Picerno. Ovviamente anche la rifinitura di domani si svolgerà sul sintetico che domenica ospiterà la gara di campionato. 
Nessun problema di adattamento alla superficie, in ogni caso, visto che il Potenza non calpesta l’erba naturale dal ritiro di Chiaromonte.  La società rossoblù, che ha predisposto un servizio navetta per gli abbonati in partenza dal Viviani, sta studiando come organizzare la sistemazione logistica del pubblico sulle due tribune dell’impianto picernese. Oltre ai posti riservati agli abbonati, i biglietti in vendita dovrebbero essere circa un migliaio.

Twitter @pietroscogna

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA