X
<
>

Lulù Marsicano durante una gara

Tempo di lettura 4 Minuti

LUCIA Lourdes Marsicano, in arte Lulù, è l’altro nascente del nuoto lucano. Lulù è una ragazza seria e solare, che ama frequentare gli amici e soprattutto non ha grilli per la testa. Adora il nuoto, sport che pratica sin da piccola, grazie ai consigli ricevuti dai maestri Vito e Giovanni Santarsiero. Lulù Marsicano è nata a Marsicovetere, il 10 febbraio del 2004, segno zodiacale acquario. Ha tanta voglia di emergere, intende farlo grazie al lavoro continuo e costante in palestra e in piscina, ma non disdegna altri interessi che nella vita a sedici anni sono ammessi e possono costituire nella logica dei valori un volano imprescindibile per tutte le atlete della nuova generazioni. Marsicano è studente del quarto anno delle scuole superiori di Marsicovetere, seconda figlia di Giusy Greco e Vincenzo Marsicano, il fratello maggiore Antonio è matricola all’università.

Una famiglia tradizionale, legata ai valori e agli interessi culturali e alle tante passioni che la vita offre quotidianamente. Il recente risultato ottenuto a Scanzano Jonico negli assoluti regionali di nuoto che le hanno permesso di portare a casa il titolo negli 800 metri stile libero è solo un viatico per i prossimi appuntamenti nazionali e internazionali. La conferma del risultato colto a Scanzano Jonico si è avuta a Piombino nella scorsa settimana in occasione dei campionati assoluti di nuoto di fondo in acque libere che hanno visto Lulù giungere quarantacinquesima al termine di una prova molto difficile, condizionata dal vento che ha reso il mare agitato.

Lulù Marsicano

Lulù Marsicano è soprattutto una giovane atleta di belle speranza che non si è montata la testa, e anzi, con il solito e indomabile ardore agonistico cercherà di migliorarsi ancora. Semplice, schietta di poche ma importanti parole e questo non guasta per una delfina di sedici anni appena che ha compiuto passi da gigante nel corso degli ultimi tre anni, vissuti soprattutto confrontandosi con i campioni di punta del nuoto nazionale. Segno tangibile che la serietà può essere un fattore importante anche a sedici anni e consente di raggiungere traguardi importanti.

Non si è fermata neppure durante la pandemia di coronavirus tanto che ha affermato: “Sono stata sempre in piscina ad allenarmi. Non ho avuto particolari problemi nel lock-down e anche dopo la prima fase dell’epidemia”.

Ma non è tutto perché la giovane atleta del Circolo Savigi Satriano di Lucania parla a cuore aperto delle sue passioni, dei suoi miti e delle sue attività legate ovviamente alla giovane età.

Lulù, ci spieghi come ha iniziato a nuotare?

“Ho cominciato a frequentare la piscina quando avevo tre anni, non mi sono più fermata perché il nuoto è stata la mia passione. Con Vito Santarsiero mi sono trovata bene e non ci sono mai stati problemi durante gli allenamenti”.

Ecco, parliamo del nuoto a livello mondiale, qual è l’atleta che le piace di più?

“Senza ombra di dubbio la forte atleta ungherese Katinka Hossù è la mia beniamina. E’ una nuotatrice molto completa che non lascia nulla al caso e si allena tantissimo. Ho grande ammirazione di Katinka perché queste doti costituiscono solo la base per costruire grandi successi in carriera”.

Ha dimenticato Federica Pellegrini, cosa pensa della campionessa azzurra?

“Federica da anni gareggia ai vertici del nuoto, soprattutto alle Olimpiadi è stata fantastica e ha nuotato da prima della classe. E’ una grande campionessa, non si discute anche sul piano della correttezza sportiva”.

Ci parli dei suoi allenamenti con Vito Santarsiero?

“Vito è un tecnico sempre garbato e rispettoso di tutti. Sa bene quando deve intervenire per esprimere giudizi sugli atleti, mi sprona e mi da consigli utili durante le sedute di allenamento”.

Passiamo ad esaminare gli aspetti personali, quali sono i suoi stilisti preferiti?

“Non ho stilisti di riferimento, anche perché metto sempre la tuta degli allenamenti e quando mi vesto per uscire con gli amici sono sempre sportiva”.

Quali sono i suoi cantanti preferiti?

“Ascolto generalmente tutta la musica leggera che mi piace da impazzire. Non ho cantanti preferiti ma ammiro tutti gli artisti italiani e internazionali”.

Tralasciando il nuoto, qual è il suo campione preferito?

“Bella domanda. Cristiano Ronaldo. Si allena sempre con continuità, ha tanta classe e non tralascia nulla al caso. E’ un campione dentro e fuori il campo di gioco”.

Quali sono i suoi hobby, cosa fa di bello nel tempo libero?

“Penso soprattutto a divertirmi e a stare con le mie comitive di amici. Amo la socializzazione e il mio principale svago resta quello di giocare a carte”.

Con la famiglia quali sono i rapporti?

“Mamma e papà mi seguono sempre, devo tanto a loro se sono arrivata a questi livelli, non mi hanno mai frenata durante questi anni di duri allenamenti”.

Parliamo di cibo e gastronomia, qual è il suo piatto preferito?

“La pizza, ne mangio in quantità industriale. Adoro tutte le specialità di pizza”.

Come dire, valori, amicizia, interessi veri, senza strafare, perché quando ci si allena ogni vizio può diventare letale per la crescita sportiva e umana. Lucia Lourdes Marsicano, sedici anni appena ha già le idee chiare su come investire il tempo libero senza sprecare risorse importanti. E con un pezzo di pizza in più tutto diventa più la semplice. Per la gioia di mamma e papà pronti a fare sacrifici enormi per sostenere le sorti di Lucia Lourdes Marsicano.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares