X
<
>

Domenico Pozzovivo filmato da Vincenzo Nibali mentre aiuta Diego Ulissi

Tempo di lettura 2 Minuti

«OH POZZO, dagli il braccio buono», e giù a ridere. La voce che c’è dietro alla telecamera del cellulare è quella di Vincenzo Nibali, cameraman d’eccezione per l’occasione. E l’occasione è quella in cui il lucano Domenico Pozzovivo si prodiga per aiutare Diego Ulissi.

La situazione è questa: una domenica senza competizioni e allora i tre ciclisti si danno appuntamento per un’escursione in mountain bike, ma il toscano esce fuori dal sentiero sterrato e scivola via in un dislivello. Un incidente che non provoca, fortunatamente, danni, ma bisogna recuperare il compagno. Pozzovivo scende dalla bici, si siede per terra e porge il braccio per aiutare il vincitore di otto tappe al Giro d’Italia. Ora, è risaputo che Pozzovivo ha un problema al braccio e quindi Nibali per approfitta per drammatizzare dicendo al lucano di porgere ad Ulissi il braccio buono, quello più forte. Il siparietto fa scoppiare a ridere dapprima il vincitore di Giro e Tour e poi gli altri due. E nella goliardia del momento l’autore del “fuori pita” confessa di essersi preso un gran bello spavento con una frase piuttosto colorita.

Il tutto è stato reso pubblico proprio da Diego Ulissi che ha postato i pochi secondi di video sul suo profilo Instagram, con tanto di commento a corredo: «Meno male che oggi c’era Domenico a salvarmi, Vincenzo era impegnato a ridere…».

Poi ovviamente il video è diventato virale, rimbalzando da più parti, con una serie di commenti, sia da parte dei tifosi, ma anche con tanti addetti ai lavori che non hanno perso l’occasione per ridere e scherzare con i tre campioni di ciclismo, che per una volta sono apparsi molto più umani e molto più vicini ai tanti ciclo-amatori della domenica. Un bagno di normalità che anche in questo periodo covid fa capire quanto è bello ed importante lo sport, quanto possa essere aggregante, anche tra chi durante un grande giro è rivale, ma che fuori dalla competizione è innanzitutto amico.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares