Tempo di lettura < 1 minuto

«La maggioranza regionale e il presidente Loiero stanno tentando, in maniera surrettizia, di procrastinare la data delle elezioni: si tratta di una manovra che ferisce i diritti dei calabresi e che si trasformerà nell’enneismo boomerang politico». Lo affermano, in una dichiarazione congiunta, il vice coordinatore regionale vicario del Pdl, senatore Antonio Gentile, e il segretario regionale dell’Udc, Francesco Talarico. «La Regione deve effettuare subito – proseguono Gentile e Talarico – le operazioni di ripartizione territoriale dei seggi dopo la cancellazione del listino in maniera tale da consentire alle Prefetture di poter svolgere adeguatamente il loro lavoro Loiero e la sua maggioranza consiliare, che sanno ormai di essere minoranza nell’opinione pubblica, tentano di far slittare le elezioni e questo deve essere impedito nell’interesse della democrazia e dei calabresi che meritano di poter scegliere i loro futuri amministratori regionali nello stesso giorno in cui lo faranno molti loro connazionali». «Invitiamo tutte le forze politiche e sociali di ogni estrazione – concludono Gentile e Talarico – sinceramente interessati a difendere la democrazia partecipata invitando gli amministratori regionali a smetterla con questi atteggiamenti dilatori ed a fare in modo, entro le prossime 48 ore, che vengano portate a termine le operazioni tecniche necessarie per consentire il voto il 28 e 29 marzo prossimi».

In foto Antonio Gentile e Giuseppe Scopelliti

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •