Salta al contenuto principale

Daniele Capezzone

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 19 secondi
Forse l’avete dimenticato. Ma il portavoce del Pdl è ancora Daniele Capezzone. Almeno così 
si firma il prode guerriero sul sito ufficiale degli azzurri e in qualche pezzullo 
concessogli dai giornali di famiglia. 
Il caso dell’ex pupillo di Pannella è un classico italiano. Si riceve una nomina, tanto per 
toglierselo dai piedi, e poi ci si dimentica di farlo lavorare. Ma l’interessato, poiché non 
è stato dismesso né con un atto ufficiale né a voce, come per la servitù, continua 
imperterrito a firmarsi come portavoce del Pdl. 
Dal punto di vista umano si capisce. Finché è durata la baldoria, il mondo berlusconiano di 
Raiset gli ha concesso una finestrella sul teleschermo. Come frate Indovino lanciava il 
proverbio del giorno.
Faceva il suo compitino con tono apocalittico e volto serioso (ma la sua non è una maschera: 
porta effettivamente sulle spalle gli affanni del mondo), difendendo il Cavaliere e 
demonizzando le istanze demoplutocratiche. 
L’ultima sua performance, in un passo, recita: «Quanti avevano in mente che la partita 
elettorale fosse già chiusa a favore della sinistra, devono rifare i loro conti, dopo il 
ritorno in campo di Berlusconi. Ma sono chiamati a contrastarlo in modo “fair”, non 
alimentando un clima anti-italiano».

Forse l’avete dimenticato. Ma il portavoce del Pdl è ancora Daniele Capezzone. Almeno così 
si firma il prode guerriero sul sito ufficiale degli azzurri e in qualche pezzullo 
concessogli dai giornali di famiglia. 
Il caso dell’ex pupillo di Pannella è un classico italiano. Si riceve una nomina, tanto per 
toglierselo dai piedi, e poi ci si dimentica di farlo lavorare. Ma l’interessato, poiché non 
è stato dismesso né con un atto ufficiale né a voce, come per la servitù, continua 
imperterrito a firmarsi come portavoce del Pdl. 
Dal punto di vista umano si capisce. Finché è durata la baldoria, il mondo berlusconiano di 
Raiset gli ha concesso una finestrella sul teleschermo. Come frate Indovino lanciava il 
proverbio del giorno.
Faceva il suo compitino con tono apocalittico e volto serioso (ma la sua non è una maschera: 
porta effettivamente sulle spalle gli affanni del mondo), difendendo il Cavaliere e 
demonizzando le istanze demoplutocratiche. 
L’ultima sua performance, in un passo, recita: «Quanti avevano in mente che la partita 
elettorale fosse già chiusa a favore della sinistra, devono rifare i loro conti, dopo il 
ritorno in campo di Berlusconi. Ma sono chiamati a contrastarlo in modo “fair”, non 
alimentando un clima anti-italiano».

Scopri gli altri contenuti del Blog: 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?