Salta al contenuto principale

Paese che vai, fontana di Giugno che trovi

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 1 secondo

DEMETRIO GUZZARDI

Nato a Cariati il 10 ottobre 1959, con la sua famiglia e' venuto ad abitare a Cosenza nel 1967 e da allora vive in via degli Stadi. Dopo gli studi al Magistrale n.

I provvedimenti eseguiti questa mattina dalla Guardia di finanza di Crotone nell'ambito dell'operazione 'Insula' riguardano il vecchio boss di Isola Capo Rizzuto Nicola Arena, che era già detenuto, i figli Massimo e Pasquale Arena, Francesco Ponissa, Salvatore Arena (classe 1991), Luigi Tarasi, Vittorio Perri e il poliziotto Carlo Capizzano; nei loro confronti è stata eseguita un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, firmata dal giudice delle indagini preliminari Abigail Mellace su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro.
Agli arresti domiciliari sono stati sottoposti l'ex sindaco di Isola Capo Rizzuto Carolina Girasole e il marito Francesco Pugliese, Antonio Demeco. Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per Antonio Guarino e Paolo Lentini.

Grazie ad internet si possono avere delle gradite (o sgradite) scoperte. Chi pensava ad esempio all’unicità di alcune cose di casa nostra..., deve ricredersi. Ad esempio la “mitica” fontana di Giugno, posta all’inizio di corso Mazzini, che è il luogo di ritrovo abituale di quanti dopo la “prima vasca”…, vanno a rifocillarsi, è presente in tanti altri centri. A fine Ottocento, quando la fontana arrivò a Cosenza, fu sistemata nell’attuale piazza Piccola (a chiazza di pisci)…, e poi fu “scesa” al Carmine. Ora sappiamo che lo scultore che realizzò l'opera denominata l'Été si chiamava Mathurin Moreau; l'artista presentò il prototipo, scolpito nel marmo e catalogato con il numero 4514, nell’Esposizione Universale di Parigi nel 1855. Grazie all'intraprendente fonditore Jean-Pierre Victor Andrè, che fu il creatore delle ghise d'Arte Val d'Osne, furono realizzate in serie delle opere di numerosi artisti francesi, ed importati in Italia dalla Fonderia Artistica Industriale Francesco De Luca di Napoli nel 1889. Il personaggio della fontana, un giovane efebo sembra rappresentare l'estate o meglio il mese di giugno che nel calendario repubblicano francese è il "Messiodor": dono delle messi. Duplicati dell'Eté di Moreau sono: ad Ortona Magliano Dei Marsi (gli abitanti lo chiamano Clelia), ad Alife (Caserta), a Terracina (Latina), a Matrice (Campobasso) a Fornelli (Isernia) e a Cosenza e qui, come ad Alife, il giovine che sormonta la fontana, è chiamato "Giugno". Ma un’altra copia è pure a pochi chilometri dalla nostra città, a San Pietro in Guarano…, e qui la fontana ha anche il nome “Pietro”, infatti gli abitanti del centro presilano la chiamano la “Fontana di Pietro Giugno”.

Scopri gli altri contenuti del Blog: 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?