Salta al contenuto principale

Se la ricerca cambia il mondo

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 16 secondi

DOMENICO TALIA

Domenico Talia, originario di Sant'Agata del Bianco, sulla costa jonica reggina, è docente di informatica all'Università della Calabria e ricercatore nell'area dei sistemi distribuiti e del data mining.

Horace Walpole durante un suo viaggio in Italia lesse la fiaba persiana dei Tre Prìncipi di Serendippo tradotta da Cristoforo Armeno e apprese come i tre protagonisti riescono a trovare sul loro cammino una serie di indizi che li salvano in più di un'occasione. La storia descrive le scoperte dei tre figli del Re di Serendip, antico nome dello Sri Lanka, invitati a viaggiare dal loro padre per conoscere il mondo e i differenti modi di vivere. Le scoperte sono narrate come intuizioni dovute sì al caso, ma anche al loro spirito acuto e alla capacità di osservazione. Per questa ragione Walpole nel 1754 ha coniato il termine serendipity (serendipità) che indica quel felice processo di scoprire una cosa mentre se ne cerca un'altra. Si noti che il termine non indica solo fortuna. Per cogliere l'indizio che porterà alla scoperta occorre essere aperti alla ricerca e attenti a riconoscere il valore di esperienze che non corrispondono alle aspettative originarie. Gli esempi nelle scienze e in altri settori sono moltissimi, a partire dalla scoperta dell'America che fece Cristoforo Colombo mentre cercava le Indie, alla scoperta di Fleming della penicillina, e in ultimo, in ordine di tempo, allo studio del sildenafil citrato, più noto con il termine commerciale di viagra, scoperto mentre si cercava un farmaco per curare l’angina pectoris. La serendipity ci insegna che la fortuna è necessaria nelle scoperte, ma va aiutata dalle capacità, dalla volontà e dalla creatività. Se non si cerca nulla è facile non scoprire nulla, ma se ci si impegna a cercare, qualcosa si troverà, e a volte quello che si troverà sarà più importante di quello che si stava cercando.
Le scoperte scientifiche, le nuove tecnologie e l'innovazione che ne è derivata hanno contribuito a cambiare il mondo più di quanto hanno fatto la politica e i governi. D'altra parte, l'economia mondiale ha usato e usa le innovazioni tecnologiche per ottenere maggiori profitti, per aumentare lo sfruttamento delle risorse naturali e per imporre nuovi modelli e nuove strategie. E’ chiaro a tutti che senza la rivoluzione informatica il mondo oggi sarebbe molto diverso. Anche nell’invenzione di Internet e nei suoi usi di oggi e di domani c’è molta serendipità. Questo Blog è uno spazio per discutere e riflettere sugli effetti della rivoluzione digitale, per ragionare sulle scoperte scientifiche e sulle innovazioni tecnologiche, e per analizzare l'impatto delle nuove tecnologie sulle vite delle singole persone e della società. Una piccola finestra da dove osservare l'immenso mondo delle tecnologie digitali e il loro ruolo nella vita quotidiana di noi tutti senza perdere di vista lo spirito della serendipity.
Scopri gli altri contenuti del Blog: 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?