Umberto Fratto

Tempo di lettura 2 Minuti

CATANZARO – È di un morto e due feriti il bilancio di un incidente stradale avvenuto all’alba di oggi sulla statale 280 tra Catanzaro e Lamezia Terme. Per cause in corso di accertamento, un’autovettura Alfa Romeo Mito si è ribaltata al chilometro 29, direzione Lamezia Terme. La vittima è Umberto Fratto, 36 anni, parrucchiere di Catanzaro.

[editor_embed_node type=”photogallery”]77175[/editor_embed_node]

 

La dinamica non è chiara, ma nell’incidente non sono rimasti coinvolti altri automezzi. Nell’impatto l’autovettura è andata praticamente distrutta, con i vigili del fuoco che hanno dovuto lavorare per estrarre i feriti. Sul posto sono intervenuti gli operai dell’Anas e le forze dell’ordine, anche per la gestione del traffico che è stato rallentato dalla chiusura di una corsia di marcia.

Umberto Fratto stava andando a Milano  per un corso di formazione insieme a due amici diretti sempre nel capoluogo lombardo per un analogo corso. Il suo viaggio si è drammaticamente interrotto subito dopo la galleria del Sansinato. Sul gelido asfalto il suo corpo privo di vita. Sbalzato fuori dalle lamiere accartocciate della sua auto, una Alfa Romeo Mito, finita fuori strada per cause ancora da accertare. Il trentaseienne era molto conosciuto a Catanzaro, dove in pochi anni aveva messo in piedi una realtà imprenditoriale di tutto rispetto.

Uno dei feriti, G.V., 25 anni, ha subito un delicatissimo intervento neurochirurgico per le gravi lesioni riportate al cervello e alla testa. Ora si trova ricoverato in rianimazione in prognosi riservata e le sue condizioni permangono gravi. Pare che lui fosse seduto dietro e sia stato sbalzato fuori dall’autovettura. Il venticinquenne è anche un calciatore della squadra del Montepaone, per questo i compagni sono ora tutti al suo fianco in ospedale. Il giovane lavora nell’azienda di famiglia della donna che si trovava alla guida dell’auto G. M. di 36 anni, ricoverata anch’ella in gravi condizioni, mentre Umberto Fratto era seduto vicino al posto di guida ed è rimasto incastrato tra le lamiere.

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •