X

L'incontro tra la delegazione rumena e il prefetto Latella

Tempo di lettura < 1 minuto

CATANZARO – Il caso della donna segregata e schiavizzata scoperto a Gizzeria nel Lametino (LEGGI LA NOTIZIA DELL’ARRESTO) è diventato un caso internazionale.

SCOPRI TUTTI I CONTENUTI SUL CASO
DELLA DONNA RIDOTTA IN SCHIAVITÚ A GIZZERIA

La Prefettura di Catanzaro, infatti, ha ricevuto una delegazione Rumena, nazione di cui la vittima è cittadina, composta dal sottosegretario del Ministero “Rumeni all’estero” Veaceslav Saramet, dal Consigliere Ministeriale dello stesso Dicastero Laviniu Enii e dal Vice Console George Dogaru.

LEGGI LA DIFESA DELL’UOMO e GUARDA IL VIDEO DEL SOPRALLUOGO NELLA BARACCA

Il Sottosegretario Rumeno ha espresso un vivo ringraziamento ed apprezzamento al Prefetto di Catanzaro, Luisa Latella, per l’assistenza fornita dalle autorità Italiane, dalla Magistratura e dall’Arma dei Carabinieri in ordine al noto caso della concittadina vittima di violenze a Gizzeria.

[editor_embed_node type=”photogallery”]81301[/editor_embed_node]

 

Nel corso dell’incontro, al quale erano presenti anche il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Catanzaro ed il Comandante del Gruppo di Lamezia Terme, è stata in particolare sottolineata la reciproca e piena disponibilità a fornire il massimo supporto alle autorità, alla parte offesa ed ai figli minori, inoltre, è stato ribadito l’eccellente rapporto di cooperazione esistente tra i due paesi aggiungendo che «le condotte delittuose evidenziate nella circostanza non hanno alcuna connessione con la nazionalità della vittima e costituiscono un evento assolutamente episodico in un contesto provinciale nel quale la comunità rumena stanziale risulta complessivamente integrata in modo positivo».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares