L'area dove sono stati ammassati i rifiuti

Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto

PALERMITI (CATANZARO) – I lavori per la pavimentazione del cimitero del Comune di Palermiti erano stati irregolarmente subappaltati, con l’impiego di operai “in nero” e con smaltimento illecito di rifiuti. Lo hanno scoperto i carabinieri forestali della stazione di San Vito sullo Jonio e della locale Stazione dell’Arma nel corso di un controllo del cantiere che ha portato alla denuncia di un imprenditore, del subappaltatore e del direttore dei lavori, oltre al sequestro dell’area e dei rifiuti prodotti.

Secondo i carabinieri, i rifiuti speciali non pericolosi sono stati abbandonati lungo una scarpata, su una superficie di circa 150 metri quadri, all’esterno delle mura del cimitero. I rifiuti, quantificati in circa 10 metri cubi, erano composti da calcinacci, lastre in calcestruzzo, marmetti e altro materiale.

Dall’attività svolta, inoltre, è stato accertato che i lavori erano stati anche illecitamente subappaltati ad altra ditta che, a sua volta, avrebbe impiegato quattro operai privi di regolare assunzione e la cui posizione è in corso ulteriore approfondimento.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •