Tempo di lettura 2 Minuti

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Maxi confisca dei finanzieri del Gruppo di Lamezia Terme nei confronti di Francesco Giampà detto “il professore”, indicato come il capo storico e carismatico dell’omonima cosca, attualmente detenuto in regime di carcere duro.

I finanziari hanno proceduot alla confisca, acquisendo al patrimonio dello Stato, beni per 500 mila euro. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Catanzaro su richiesta del procuratore distrettuale antimafia Nicola Gratteri e del pubblico ministero Elio Romano sulla base delle informative del nucleo mobile del Gruppo della Guardia di Finanza di Lamezia.

Secondo quanto appurato durante gli accertamenti, sarebbe palese per i finanzieri il valore sproporzionato ed ingiustificato rispetto ai redditi dichiarati ed al tenore di vita mantenuto. Dalle indagini è emerso come i familiari del “professore” trascorressero vacanze in rinomate località turistiche, facessero ricorso a chirurgia estetica e frequentassero costosi ristoranti senza lavorare.

LEGGI DELLA CONCESSIONE IN TEMPI RECORD
DELLA PENSIONE AL BOSS FRANCESCO GIAMPÀ

Il tribunale ha disposto anche la sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di residenza per la moglie e le due figlie di Giampà ritenute partecipi alla cosca.

La confisca ha riguardato due appartamenti, un’autovettura e disponibilità finanziarie per circa 10 mila euro. I beni erano già stati sottoposti a sequestro preventivo nell’ottobre del 2015 (LEGGI LA NOTIZIA). La successiva mancata giustificazione della loro legittima provenienza da parte di Giampà e dei suoi familiari, ha indotto il tribunale di Catanzaro a disporne la confisca.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •