Il tribunale di Catanzaro

Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto

CATANZARO – Il Tribunale di sorveglianza di Catanzaro ha rimesso in libertà l’ex vice brigadiere dei carabinieri Vincenzo Alcaro, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, concedendogli la misura alternativa dell’affidamento in prova ai servizi sociali.

Il provvedimento è stato adottato in accoglimento delle tesi avanzate dai difensori di Alcaro, gli avvocati Antonio Ludovico e Sergio Callipari.

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SULL’OPERAZIONE SHOWDOWN

L’ex vicebrigadiere era stato coinvolto nell’operazione denominata «Showdown» (LEGGI LA NOTIZIA DELL’OPERAZIONE SCATTATA NEL 2011) e condannato alla pena definitiva di sei anni di reclusione (LEGGI LA NOTIZIA DELLA CONDANNA) in quanto ritenuto stabilmente a disposizione della cosca Sia della ‘ndrangheta, operante nella zona del soveratese, «al fine di acquisire e fornire, in ragione della sua specifica funzione – era detto nel capo d’imputazione – informazioni in ordine ad attività investigative che potessero interessare lo stesso gruppo criminale che, contando sulla sua collaborazione, ne sarebbe stata rafforzata e agevolata».

Alcaro ha ottenuto il beneficio, riferiscono i suoi difensori, «anche grazie alla condotta esemplare tenuta nel carcere militare di Santa Maria Capua Vetere, dove il suo percorso trattamentale è stato definito encomiabile, avendo egli dato conferma di rigore morale e totale rispetto delle istituzioni».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •